Villanova di Bagnacavallo. Lutto nel presbiterio, è scomparso don Domenico Monti

All’età di 82 anni e dopo 57 anni di servizio sacerdotale, è morto nel pomeriggio di lunedì 9  dicembre 2019 don Domenico Monti, per tanti anni parroco di Villanova di Bagnacavallo e fondatore della Casa dei Nonni. Le esequie di don Domenico Monti si celebreranno sabato 14 dicembre 2019 alle ore 14.30 nella chiesa di Villanova di Bagnacavallo.

Monti don Domenico nasce il 21 gennaio 1937 a S. Martino in Gattara e viene ordinato presbitero il 16 giugno 1962. Viene nominato il 2 agosto 1962 vicario cooperatore della parrocchia di Villanova di Bagnacavallo, il 1 luglio 1970 ne diventa vicario coadiutore e il 7 ottobre 1972 parroco. Uno di grande dialogo con tutti, ha lavorato molto anche per le persone anziane della sua comunità ideando e costruendo la Casa dei nonni una struttura gestita dalla parrocchia in aiuto alla terza età. Il 19 luglio 2017 viene accolta la sua rinuncia per motivi di età dall’ufficio di parroco, pur continuando a risiedere a Villanova e prestando servizio in parrocchia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Rita Farneti

    Ringrazio la Redazione per aver dato questa notizia su un prete”vero”, come molti nel paese di Villanova di Bagnacavallo amano definirlo.
    Le esequie ,celebrate oggi 14 dicembre 2019,hanno toccato tutti perchè forte è stata la partecipazione degli abitanti di Villanova che hanno sentito in Don Domenico Monti, affettuosamente soprannominato Dondo, una guida, un amico, un parroco sempre presente e vicino. A mia volta, avendo abitato a Villanova per un frammento di mia vita, ho avuto agio di conoscere Don Monti e di apprezzarne la acuta serenità di giudizio, la raffinata saggezza, la sobrietà e l’impegno tenace che metteva in tutto quello che faceva. Anche negli ultimi mesi della sua vita, pur provato nel fisico, sapeva conversare con grande amabilità e vitali sono state per me le sue parole.
    Ha, come scriveva Tagore, lasciato tracce di sé e gliene siamo tutti grati.
    Rita Farneti