Continua l’iniziativa “Buoni in famiglia”, destinato 1% del fatturato alle famiglie faentine in difficoltà

Da ormai undici anni, le famiglie in difficoltà del comprensorio faentino ricevono un significativo aiuto annuale da parte di Aser, l’Agenzia di onoranze funebri a controllo pubblico: merito dell’iniziativa “Buoni in famiglia. La solidarietà val bene una spesa”, che destina l’1 per cento del fatturato dell’azienda all’Unione della Romagna Faentina, proprio con l’obiettivo di aiutare i programmi di sostegno alle famiglie in difficoltà (prevalentemente attraverso l’acquisto di prodotti alimentari freschi).
Nel 2018, la quota è stata di 7.703,96 euro; in totale, negli undici anni di vita, “Buoni in famiglia” ha permesso aiuti alle famiglie bisognose del faentino per circa 80 mila euro.

Ancora una volta, si legge nella nota di Aser, va rimarcato anche l’aspetto di stimolo di questa iniziativa, che oltre a fornire un aiuto economico immediato e significativo, può fungere da esempio virtuoso nei confronti dell’intera comunità: molti faentini infatti, proprio attraverso “Buoni in famiglia”, forniscono indirettamente ma consapevolmente un aiuto importante ai loro concittadini più bisognosi nel momento in cui si rivolgono ad Aser. Aser ha già deciso di confermare l’accordo anche per il 2020: ma in questo caso la convenzione recentemente stipulata prevede anche una novità importante. Aser si impegna infatti a garantire a titolo gratuito 10 servizi all’anno di onoranze funebri a salme di persone indigenti, appartenenti a famiglia bisognosa o per le quali vi sia disinteresse da parte dei familiari. Il Comune, inoltre, potrà chiedere ad Aser ulteriori prestazioni della stessa tipologia (oltre a quelle gratuite) con una riduzione del 20% di listino.

“Nei casi di defunti che si trovino nelle condizioni di indigenza o di solitudine sopra indicate, il Comune è obbligato ad adempiere al funerale – spiega Maurizio Rossi, amministratore delegato di Aser -. L’accordo sottoscritto nell’ambito del rinnovo della convenzione fa sì che Aser, in pratica, fornisca un ulteriore aiuto in queste situazioni estreme: un supporto che si aggiunge alla cifra annualmente versata grazie ai Buoni in famiglia per chi si trova in difficoltà, e che si aggiunge ad una serie di altri servizi che l’azienda mette in campo per aiutare chi, di fronte a un lutto, deve anche fare i conti con problemi finanziari. Come ad esempio la possibilità di pagare a rate, con un apposito finanziamento”.