Massa Lombarda celebra il patrono cittadino: fino ad inizio febbraio tante iniziative

Massa Lombarda si prepara a festeggiare il proprio patrono con i festeggiamenti per “San Pêval di segn”, che cade sabato 25 gennaio. I visitatori potranno scegliere come vivere la festa, tra le numerose mostre da visitare, la gastronomia, le iniziative culturali e per bambini, lo shopping nei numerosi mercatini e nei negozi del centro: tanti sono infatti gli appuntamenti che gravitano attorno al giorno del patrono, fino alla prima settimana febbraio.

Si comincia mercoledì 15 gennaio alle 10 con l’incontro “Leggi Razziali. All’origine del razzismo in Italia” nella sala del Carmine (via Rustici). Si tratta di una lezione rivolta agli studenti in occasione della Giornata della Memoria, con la proiezione del documentario La breve vita di Anna Frank. L’evento è a cura di Anpi Massa Lombarda. Giovedì 16 gennaio inaugurano gli appuntamenti organizzati dal Circolo Massese sulla storia locale. Alle 20.45 nella sede del Circolo (piazza Matteotti 5) si parla di “Famiglie massesi”, con la proiezione di foto sulle famiglie che hanno fatto la storia di Massa Lombarda, a cura di Michele Governa, Luigi Montanari e Decio Testi del Circolo Massese. Venerdì 17 gennaio è in programma alle 21 il Concerto d’inverno nella Sala del Carmine, a cura dell’Associazione corale “Ettore e Antonio Ricci”, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura di Massa Lombarda. Sabato 18 gennaio appuntamento con il Mercatino del Riuso in piazza Matteotti dalle 8 alle 17, a cura di Pro Loco Massa Lombarda. E ancora, domenica 19 gennaio alle 16 nella chiesa di San Paolo ci sarà il XXIII concerto dedicato al patrono cittadino, a cura della Parrocchia della conversione di San Paolo.

In piazza Matteotti ci sarà la XXIII sagra del Sabadone, a cura della Pro Loco di Massa Lombarda. Non mancherà lo stand gastronomico con sabadoni, polenta, piadina farcita. Lo stand gastronomico sarà in funzione dal 18 al 26 gennaio (eccetto il 20 gennaio) con i seguenti orari: il 18, 21, 22 e 23 gennaio dalle 10 alle 13; il 19 e 24 gennaio dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; il 25 gennaio dalle 9 alle 18; il 26 gennaio dalle 10 alle 14.

Venerdì 24 gennaio alle 18.30 30 sarà inaugurata la mostra allestita presso la Sala del Carmine “Se il sole fosse un gioco?” con l’esposizione di opere selezionate di Ali WakWak e, a seguire, il Concerto per la vita di tutti del Maestro Adrian Theodor Vasilache, a cura dell’Assessorato alla Cultura di Massa Lombarda, in collaborazione con Health Ricerca e Sviluppo. Il 25 gennaio per tutto il giorno per le strade di Massa Lombarda ci saranno mostre, negozi aperti, bancarelle, mercatini solidali, gastronomia e luna park. Alle 10.30 ci sarà la santa messa solenne celebrata dal vescovo Monsignor Giovanni Mosciatti. In piazza Matteotti ci sarà inoltre lo stand delle delegazioni delle città gemellate con Massa Lombarda dalle 9 alle 19 e alle 16.30, sempre in piazza, verrà inaugurato il nuovo mezzo della Protezione Civile locale. In via Vittorio Veneto dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19 torna il mercatino “Mani di donna”, a cura dei volontari e amici dello Ior, con vendita di biancheria per la casa ricamata dalle volontarie, vestiario e accessori. Il ricavato sarà devoluto all’Istituto oncologico romagnolo.

Domenica 26 gennaio dalle 9 alle 19 V° Mostra scambio di modellismo agricolo nella tensostruttura della Piastra polivalente (via Fornace di Sopra 1) con esposizione di macchine agricole. L’appuntamento è a cura del gruppo Modellisti Agricoli Bassa Romagna, in collaborazione con il Comune di Massa Lombarda. Sabato 1 febbraio dalle 10.30 letture nel centro culturale “Carlo Venturini” in occasione della Giornata della Memoria, per bambini da 4 a 10 anni. Sabato 8 febbraio, sempre al centro Venturini, alle 10.30 c’è Anna va al Museo, presentazione della guida per bambini del museo civico “Carlo Venturini” e mostra delle tavole illustrative, mentre domenica 9 febbraio al Centro di quartiere di Fruges (via Ricci 3) alle 12 si svolge il pranzo a sostegno della Chiesa dell’Oppio, a cura del comitato della Chiesa dell’Oppio. Come da tradizione è dato ampio spazio alle mostre, che quest’anno saranno sei, dislocate in vari punti del paese e tutte a ingresso libero.

Dal 18 al 31 gennaio (inaugurazione sabato 18 gennaio alle 17) al Circolo Massese c’è “Giulio Zaganelli”, mostra fotografica dedicata al maestro e gentiluomo, a cura di Circolo Massese e Pro Loco (orari di apertura: sabato e domenica dalle 14.30 alle 18 e dalle 20 alle 22; il 25 gennaio dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 23; dal lunedì al venerdì, mercoledì escluso, dalle 20 alle 22). Dal 24 gennaio al 16 febbraio (inaugurazione venerdì 24 gennaio alle 18.30) le opere dello scultore libico Ali WakWak sono protagoniste della mostra “Se il sole fosse un gioco?”, allestita nella Sala del Carmine (via Rustici), a cura dell’Assessorato alla Cultura di Massa Lombarda in collaborazione con Health Ricerca e Sviluppo. Ali WakWak, scomparso nel gennaio 2019, ha vissuto in prima persona i disastri del suo Paese, la Libia, e ne ha voluto raccontare la storia. Per creare le sue opere WakWak ha raccolto gli elementi negativi generati dalla guerra e dall’oppressione e ne ha fatto i mezzi privilegiati di comunicazione di vita, speranza, fedeltà agli ideali artistici, riuscendo a conseguire un risultato di grande impatto. La mostra è aperta il venerdì dalle 15 alle 18, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18; il 25 gennaio dalle 10 alle 19. Dal 24 al 26 gennaio ritorna nella Sala Zaccaria Facchini (via Saffi 4) “Mattoncini in Massa”, l’esposizione della città creata con i mattoncini più famosi al mondo, a cura di Avis. Durante la mostra è aperto il concorso “La casa che vorrei” per realizzare una seconda città in mattoncini. La premiazione è prevista per domenica 26 gennaio alle 18.

“Mattoncini in Massa” è aperta il 24 gennaio dalle 15 alle 19 e il 25 e 26 gennaio dalle 10 alle 19. Durante gli orari di apertura della mostra è possibile giocare con mattoncini sfusi. Le fotografie di Piergiorgio Missiroli sono al centro dell’esposizione “Vita a Massa Lombarda”, al centro culturale Venturini dal 25 gennaio all’8 febbraio (inaugurazione sabato 25 gennaio alle 10), a cura dell’Assessorato alla Cultura di Massa Lombarda. La mostra è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30; sabato dalle 9.30 alle 12.30; il 25 gennaio dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30.

Sabato 25 gennaio è aperta anche la mostra “San Francesco secondo Francesco” nella Chiesta parrocchiale di San Paolo (inaugurazione alle 11), a cura della Parrocchia Conversione di San Paolo. L’esposizione racconta la vita di San Francesco d’Assisi attraverso i pannelli di Giotto “Storie di S. Francesco” nella cappella superiore di Assisi con commenti di Papa Francesco. Infine, dal 25 gennaio al 7 febbraio la Chiesa di San Salvatore (via Vittorio Veneto) ospita la mostra “Le immagini sacre nella tradizione popolare”, a cura degli Amici di San Salvatore. L’esposizione è aperta il 25 e 26 gennaio dalle 10 alle 17; dal 27 gennaio al 7 febbraio dalle 15.30 alle 18.30.

Il calendario per i festeggiamenti di “San Pêval di segn” è organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Massa Lombarda in collaborazione con il Forum delle associazioni di volontariato e Protezione civile Massa Lombarda, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna e della Provincia di Ravenna e con il contributo della Banca di credito cooperativo ravennate, forlivese e imolese. Per ulteriori informazioni, contattare l’Urp di Massa Lombarda al numero 0545 985890 o alla mail urp@comune.massalombarda.ra.it.