Ravenna. La Diocesi scrive a studenti e famiglie: Ora di Religione a scuola, “una scelta di cultura”

C’è tempo fino al 31 gennaio, termine delle iscrizioni alle scuole nel territorio diocesano, per avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica (Irc) nella scuola pubblica. E anche quest’anno dall’Ufficio scolastico diocesano e dalla Diocesi arriva l’invito a cogliere questa opportunità, in una lettera pubblica indirizzata a studenti e a genitori: una possibilità educativa, scrive il direttore dell’Ufficio scolastico diocesano don Andrea Bonazzi, per la “formazione integrale delle giovani generazioni, fatta di conoscenze, capacità acquisite, valori culturali e religiosi, storia innanzitutto della nostra Italia”.

“La religione cattolica è espressione della fede dei credenti e, nello stesso tempo – prosegue don Bonazzi -, ha ispirato una storia di civiltà e bellezza che ha al centro la persona umana nella sua altissima dignità. Questo fecondo intreccio di Vangelo e umanesimo è stimolo e risposta alle grandi domande del cuore umano in ogni tempo e luogo. L’ora di religione è anche l’incontro con quanto il sentimento e il pensiero cristiano ha prodotto lungo i secoli, attraverso la letteratura, specie la Bibbia e le espressioni artistiche di ogni genere, di cui Ravenna è custode davanti al mondo intero”. L’Ora di Religione va quindi colta “in una prospettiva culturale”.
Nell’anno scolastico concluso a giugno (2018/2019) la percentuale degli avvalentisi dell’Irc si è attestata mediamente al 73,9% (il dato tiene conto della media delle percentuali della scuola dell’Infanzia, della Primaria, della Secondaria di primo grado e della Secondaria di secondo grado), in leggero calo rispetto all’anno precedente (nel 2017/2018 era al 75,62).
“La sfida più grande – ragiona il direttore dell’Ufficio scolastico diocesano – rimane quella della qualità dell’insegnamento dell’ora di religione, cioè – in concreto – quella della qualità degli insegnanti. La crisi culturale che oggi stiamo attraversando non è infatti una crisi soltanto di valori, ma anche e forse soprattutto una crisi di figure adulte capaci di incarnarli credibilmente. Siamo convinti che la scelta dell’ora di religione continuerà a “tenere” finché ci saranno insegnanti all’altezza del proprio compito, finché i genitori fiuteranno che – indipendentemente dal fatto di essere credenti o meno – una maestra di religione sarà una figura positiva e importante per i propri figli, finché gli adolescenti sentiranno che con il prof di religione ‘si può parlare’. Finché questa materia così marginale – ma solo apparentemente – sarà vissuta come una palestra di umanità e di vita”.

La Lettera inviata agli studenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni lo scettico

    A proposito, quando sarà che gli insegnanti di religione riceveranno lo stipendio dalla Curia, visto che da essa sono nominati e se divorziano sono licenziati?

  2. Scritto da PAOLO79A

    Dal 1948 la Costituzione Italiana ha sancito l’uguaglianza degli individui a prescindere dalla religione, il che rappresenta l’abolizione della religione di Stato in Italia, questione che poi il Vaticano ha recepito nel 1984 con la revisione dei Patti Lateranensi. Se non bastasse, nel 1989 la Corte Costituzionale ha sancito la laicità dello Stato, abolendo definitivamente la religione di Stato.

  3. Scritto da agi62

    Mah, io sarei più propenso alla materia “Culture dei Popoli” che servirebbe molto ai nostri ragazzi per comprendere e tollerare ma poi servirebbero anche i docenti per una materia tanto vasta.

  4. Scritto da Tax19

    Cosa non si tenta pur di non perdere adepti…

  5. Scritto da Sgambi

    Dei miei professori di religione non ho nessun ricordo.
    Quelli dei miei figli fanno solo vedere agli studenti film anche di dubbio valore.
    Le scuole sono costrette a organizzare attività alternative alla religione per gli studenti che non la scelgono.
    Penso che eliminare l’ora di religione a scuola gioverebbe alla religione stessa.