Ravenna, conclusa formazione su disostruzione pediatrica dei volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri

Si è concluso sabato scorso il corso di “Disostruzione Pediatrica”, tenuto da Romagna Formazione, a trenta volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri. A tutti i partecipanti è stato rilasciato un certificato di partecipazione. Altri 38 volontari dell’ANC sono già in possesso di idoneità e attestato BLS-D (basic life support – defibrillation), e quindici di abilitazione antincendio, rischio alto. Inoltre, inizia domani, martedì 28 gennaio, il corso base per 13 nuovi volontari ANC che vede come istruttori, ufficiali dei Carabinieri e del Corpo della polizia Municipale, avvocato, liberi professionisti ed esperti del settore.

Romagna Formazione segnala altresì le importanti lezioni di aggiornamento tenute lo scorso anno dalla Sostituto Procuratore della Repubblica di Ravenna, Cristina D’Aniello e dal Comandante della Polizia Municipale, Andrea Gicomini. “La formazione continua – secondo il presidente Isidoro Mimmi – è una delle priorità della mia gestione e la ritengo essenziale per fornire e aggiornare le conoscenze e i principali strumenti per ascoltare e assistere i cittadini durante i servizi che i volontari ANC, da quattro anni, svolgono in convenzione col Comune di Ravenna, nel centro urbano, in occasione di grandi eventi, manifestazioni pubbliche e davanti a quattro scuole. La missione del Gruppo di Volontari ANC risiede nella vocazione di impegno nel sociale e di diffusione dei valori di solidarietà per i quali l’Arma dei Carabinieri si è storicamente distinta: osservare attentamente dinamiche che avvengono a livello di quartiere, ascoltare, rassicurare e segnalare tempestivamente alle Forze di Polizia anche la più piccola manifestazione di criticità e degrado.”

“I nostri molteplici servizi – aggiunge Mimmi – non sono sostitutivi dell’importantissima attività delle forze di Polizia, ma aggiuntivi in quanto cercano di colmare lo spazio tra cittadini e forze dell’ordine svolgendo un ruolo di utile collegamento. Il nostro principio ispiratore è infatti fra la gente e con la gente, in quanto la sicurezza si realizza anche con la partecipazione del cittadino stesso”. Le oltre novemila ore di servizio svolte nel 2019 da 62 volontari dell’Associazione, che hanno operato con entusiasmo, impegno e dedizione in vari momenti della vita sociale di questo Comune, rappresentano un esempio da seguire per i nostri concittadini e confermano la capacità del nostro gruppo di consolidarsi, di adattarsi alle nuove esigenze e di offrire alla cittadinanza servizi sempre più mirati, condivisi e molto apprezzati.

Ravenna