Assistenza anziani. Storia di Bea, giovane volontaria: “Basta una telefonata per farli sentire meno soli”

È operativo anche in Bassa Romagna il servizio di assistenza telefonica rivolto in via prioritaria agli anziani in condizioni di fragilità, grazie a un gruppo di volontari coordinati dalla Protezione civile dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, in collaborazione con i Servizi sociali e l’Ausl. Ed è proprio con una di questi volontari che abbiamo parlato: Beatrice Zanelli, 29enne di Bagnacavallo, ci ha raccontato perché questo servizio è così importante.

“Al momento lavoro in smart working, per cui mi sento al sicuro – ci racconta Bea, – ma la preoccupazione mi assale ogni sera, quando arriva il momento dei numeri, quei numeri di contagi e di morti. Sono preoccupata per tutti, dalle persone che sono costrette ad andare fisicamente al lavoro ai soggetti più a rischio che si chiudono in casa, fino alle persone che in prima linea combattono questa battaglia. La mia casa è sicura, certo, ma allo stesso tempo mi fa sentire inerme: così al primo appello della Protezione Civile ho risposto, e come me altri giovani di Bagnacavallo. Pian piano sto coinvolgendo anche le mie amiche, come Valentina Ravaioli. Siamo coordinati dai servizi sociali dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna e il nostro compito è in primis quello di chiamare le persone sole, anziane o con fragilità, per assicurarci che abbiano qualcuno che porti loro viveri e farmaci e soprattutto, cosa più importante, per dar loro il nostro supporto, perché spesso basta una semplice telefonata per farli sentire più amati e meno soli. In seguito, ci occupiamo anche di consegnare loro la spesa nel caso ne abbiano necessità”.

Beatrice e Valentina
beatrice zanelli e valentina ravaioli protezione civile bassa romagna volontarie

COME SEGUIRE L’ESEMPIO DI BEA

“Io sono iscritta al Gruppo Comunale di Protezione Civile – ci spiega Bea, – è sufficiente compilare i moduli di iscrizione che si trovano sul sito del Comune. Per iniziare serve un minimo di formazione e poi si è pronti a lavorare. Quello che ci hanno assegnato ora è un servizio che in questo periodo di isolamento coatto diventa fondamentale.  In Protezione Civile ognuno può concretamente dare il suo contributo nei momenti di difficoltà: ci formiamo per essere pronti quando serve. Spesso proprio in questi periodi riscopriamo quanto sia fondamentale il contributo di ciascuno di noi e l’importanza di lavorare insieme in un sistema efficiente.”

COME FUNZIONA IL SERVIZIO

Nella prima fase sono stati contattati gli anziani in condizioni di fragilità (circa 180 in tutto il territorio), poi l’obiettivo è diventato quello di contattare tutte le persone che risultano anagraficamente sole, ovvero circa un migliaio di persone nei nove Comuni della Bassa Romagna (complessivamente gli ultracinquantenni sono oltre 16mila).

Primo obiettivo è quello di contrastare i disagi causati da questo particolare momento: gli operatori, oltre a ricordare ai contattati quali sono le misure da rispettare, rilevano le necessità logistiche e socio assistenziali: dall’aiuto per fare la spesa fino alla necessità dei servizi sociali, che in caso di necessità vengono attivati. Ogni persona viene poi ricontattata dopo 2-3 giorni per verificare nuove necessità. Questo servizio integra il lavoro dei Servizi sociali dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, che in questi giorni sono pienamente operativi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BARUZZI LUCIANO

    GRAZIE BEA BAGNACAVALLESE BENE LA TELEFONATA MA SI RESTA PUR SEMPRE SOLI ALLORA ANZIANO E SOLO E SOFFERENTE PER VARI COMPLICATI MOTIVI CREDO CHE SI DEBBA AVERE LA PRESENZA FISICA DELLA PERSONA VOLONTARIA E PREPARATA PER DIALOGARE E VISIONARE AREA DI VITA DEL SOLITARIO IN DIFFICOLTà–SONO PRONTO GRAZIE LUCIANO BARUZZI GEOGRAFO-ANZIANO VEDOVO-PADRE DI MICHELA AUTISTICA E DI DANIELE –ORA A LUGO DOPO IL GIRO D ITALIA PER LAVORO

  2. Scritto da BARUZZI LUCIANO

    BUONA SERA BEA,TI SCRIVO ANCORA PERCHè HO IL PROBLEMA URGENTE DI MIA SORELLA ANTONIETTA CHE ABITA A BAGNACAVALLO ANZIANA ANCHE LEI,VIVE SOLA CON PROBLEMI DI SALUTE E DA OGGI POMER NON RIESCO A CONTATTARLA AL TELEFONO–PROVATO PIù VOLTE ANCHE CON ALTRE MA NON HO OTTENUTO RISPOSTA–NON HA MAIL ED AGGIUNGO LA MIA..BARUZZILUCIANO@GMAIL.COM–VEDI COSA PUOI FARE E FAMMI SAPERE-GRAZIE LUCIANO BARUZZI LUGO