Lions Club Valle del Senio a fianco del personale sanitario e della comunità nella lotta al Covid-19

Dopo la manifestazione culinaria la “Festa della Mora Romgnola” svoltosi a Casola Valsenio lo scorso dicembre, i cui proventi  (€ 3000) hanno permesso di sostenere economicamente la famiglia di un ragazzo gravemente autistico, il Club Valle del Senio ha realizzato uno screening teso ad individuare le persone con notevole propensione all’ICTUS invitandole, nel caso, a perseguire indagini più severe e mirate. Tale servizio, gratuito, è stato svolto presso le farmacie di Riolo Terme, Castelbolognese e Solarolo insieme al Dott. Athanassios Antonopoulos, cardiologo presso l’Ospedale civile di Faenza. Un contributo di 1000 euro il Club l’ha poi offerto alla Parrocchia di Riolo per il rifacimento del sagrato della Chiesa. Tre borse di studio sono state donate ad altrettanti studenti dell’Istituto Alberghiero di Riolo Terme, individuati dalla stessa Scuola come “meritevoli” per l’impegno, la partecipazione ed il profitto raggiunto.

Esplosa la pandemia del coronavirus i Lions della Valle del Senio hanno cercato di aiutare il territorio nell’emergenza cercando strumenti di protezione individuale per quanti si trovano ad operare in prima linea: 250 mascherine sono state donate alla Confraternita della Misericordia di Castelbolognese e 150 alla Associazione Volontari “Mons. Babini” di Solarolo. Raccogliendo poi la richiesta d’aiuto pervenuta dal Presidente del Banco Alimentare per l’accresciuto numero di persone “fragili” che hanno bisogno soprattutto di generi alimentari, il Club ha risposto con un contributo di € 1000.

Il L.C. Valle del Senio ha poi partecipato, con 3000 euro, al “service” messo in atto da tutti i Club della Provincia di Ravenna per l’acquisto di strumenti di protezione (visiere, saturimetri, termometri a distanza, mascherine professionali, ecc.) da donare alle AUSL di Ravenna, Lugo e Faenza. Service quest’ultimo che è attualmente in dirittura d’arrivo. “Il Club Lions, Valle del Senio – spiegano dal club – si prepara fin da ora a far fronte alle emergenze economiche del proprio territorio che purtroppo sopraggiungeranno nel post pandemia, convinto così di ottemperare alla propria mission che recita: ‘NOI SERVIAMO'”.