Oltre alle mascherine, il Club delle Cucitrici di Voltana è all’opera per produrre cuffie per il personale sanitario

Dal 16 marzo le Cucitrici di Voltana sono tornate all’opera e hanno prodotto più di 2.500 mascherine che sono state distribuite presso la Delegazione comunale di Voltana. Le offerte raccolte superano attualmente i 2.000€ e saranno devolute all’Ospedale di Lugo.

La produzione delle mascherine non è stata riservata solo ai voltanesi ma a chiunque ne abbia fatto richiesta: sono state inviate forniture alla casa di riposo “Betania” in Marina Romea, alle operatrici della RSA di Alfonsine, ad alcuni reparti dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna, oltre a rifornire in modo continuativo gli operatori della Questura di Ravenna.

Le Cucitrici ringraziano “tutte le persone che hanno aperto i loro armadi sacrificando tele e corredi; Voltana che sempre ci sostiene; Michele che, recandosi a Ravenna per motivi di lavoro, si è accollato da solo il peso dei passaggi in lavanderia. Le mascherine, infatti, prima di essere distribuite, vengono sanificate con un trattamento a base di ozono”.

Una delle cucitrici al lavoro
il Club delle Cucitrici di Voltana è all’opera per produrre cuffie per il personale sanitario

Attualmente, sollecitate da un’operatrice dell’Ospedale di Ravenna appartenente al loro gruppo, le Cucitrici si stanno cimentando nella produzione di cuffie per il personale sanitario: “Sia le mascherine che le cuffie sono prodotte in tela di cotone ed altro materiale riciclato. Quindi una produzione che fa bene al cuore ma anche al pianeta visto che si utilizza materiale lavabile e riutilizzabile”.