Quantcast

Bonaretti (M5S) su smart working: “Giunta comunale non abbandoni lavoro a distanza”

Più informazioni su

Pierre Bonaretti (M5S Cervia), è intervenuto in merito allo smart working, chiedendo alla giunta comunale di mantenere le modalità di lavoro sviluppatesi durante il lockdown. Queste le dichiarazioni di Bonaretti: “L’emergenza Covid-19 rende obbligatoria una riflessione su nuove modalità di lavoro, in tutti gli ambiti, compreso quello politico.
Mai come oggi abbiamo compreso quanto un corretto utilizzo della tecnologia possa aiutarci a non dover bloccare le attività lavorative e, anzi, forse, addirittura a migliorarne le condizioni.

Lo chiamano “smart working”, ovvero ” lavoro intelligente”, perché permette di svolgere a distanza il proprio lavoro, evitando spostamenti forzati, risparmiando tempo ed energie. Lanciamo un appello alla Giunta comunale: non abbandoniamo questa modalità di lavoro, ma ampliamola.

Penso, in particolar modo alle commissioni consiliari e all’assemblea dei Capigruppo, che sono divenute, a causa del Covid, delle riunioni eseguibili attraverso uno smartphone o un PC, in modo pratico e veloce. Questa modalità ci ha permesso di continuare a lavorare per la Città durante l’emergenza Covid, ma potrebbe diventare una modalità di lavoro più diretta e veloce, che apre a infinite possibilità per il futuro.

Niente più spostamenti, maggiore accessibilità alle riunioni anche per chi si trova altrove, lontano da Cervia, magari per motivi di lavoro. Niente più necessità di stampare materiale cartaceo, ma possibilità di condivisione di documenti rapida e diretta tramite lo schermo.
Pensiamo a quanto questo modo di fare politica potrebbe facilitare la vita anche di portatori di disabilità, che vorrebbero partecipare alle sedute di Commissione.

Ovviamente, si deve pensare ad una modalità di accesso pubblica, con una connessione stabile, che dia la possibilità di assistere al pubblico, come di consueto per le Commissioni svolte in presenza.
Qualcuno ci prova ad opporsi al futuro, trincerandosi dietro posizioni antiche e poco lungimiranti: aiutiamoli a comprendere le evidenti nuove possibilità che si ostinano a non voler vedere”.

Più informazioni su