Quantcast

Ravenna. Controlli Polizia Locale in seguito a DPCM: chiusi due pubblici esercizi e decine di irregolarità accertate

La Polizia Locale di Ravenna, nell’ambito dei servizi attivati per il rispetto delle limitazioni imposte dall’emergenza Coronavirus, in seguito al D.P.C.M. del 13 ottobre 2020 ha controllato, nell’ultima settimana, oltre 200 persone e una cinquantina di esercizi e attività commerciali. Nel corso delle verifiche sono state una decina le irregolarità accertate, sia ai sensi della normativa Covid sia per altre violazioni alle leggi sul commercio. Sono inoltre scattati provvedimenti di chiusura temporanea di due pubblici esercizi (un locale di intrattenimento, ai lidi nord, ed un bar ristorante, in città). In entrambi i casi gli agenti hanno proceduto alla contestazione dei previsti verbali, a carico dei titolari, per violazione delle normative anti-covid (tra cui mancanza delle mascherine obbligatorie e assenza di postazioni con gel igienizzante) per un ammontare di 1.200 Euro, per ognuno. Ulteriori controlli effettuati presso il locale di intrattenimento, sul litorale, congiuntamente ai carabinieri, hanno permesso di accertare poi la presenza di cinque lavoratori in nero, per cui sono scattate le ulteriori sanzioni del caso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco74

    Bene che in una settimana hai controllato 200 persone ed oltre 50 strutture ricettive.
    Invece Trovo molta tristezza su tutto quello che non si è fatto prima e sbandierato destra e manca come controlli a tappeto….

  2. Scritto da Giancarlo Andraghetti

    Quando si trovano locali che non rispettano le regole bisogna far chiudere il locale non per 5 o 10 giorni,bensi per 6 mesi.Deve essere per esempio agli altri.

  3. Scritto da Roberto

    Per fare i controlli doveva esserci il D.P.C.M,se i controlli li avessero fatti anche a Giugno Lulio e Agosto,specialmente nei bagni in spiaggia,forse si sarebbero accorti che in pochi li hanno rispettati.

  4. Scritto da Pino Scotto

    e via con i soliti commenti di gente frustrata, che gode nel vedere la chiusura di ogni cosa. Ormai il lock down ce l’avete nel cervello.

  5. Scritto da Elisa

    Da commenti mi sembra di vedere delle persone esaurite incattivite. Con questa pandemia e’successo il contrario di quello che avevano predetto I giornali. La gente e’piu’cattiva. Sempre a lamentarsi a giudicare la maggior parte delle volte senza sapere esattamente come sono andate le cose basta che ci sia da dare addosso a qualcuno. Gli diamo la pena di morte???? Devono vivere anche le attivita’. Sono dalla parte degli esercizi pubblici