Quantcast

Allagamenti dal canale Candiano, Ancisi (Lpr): “Porto Corsini allo sbando, soluzione pronta per Marina di Ravenna”

Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna, interviene in merito agli allagamenti dal canale Candiano, evidenziando in Porto Corsini la situazione che lamenta maggior criticità, oltre a riportare il malcontento di molti cittadini ravennati alla mancata reattività ai problemi da parte dell’amministrazione comunale. Il 16 dicembre 2020 Ancisi aveva postato al sindaco di Ravenna Michele De Pascale un question time intitolato: “Allagamenti dal canale Candiano. Marina soffre e Porto Corsini peggio” (question time di Ancisi consultabile) evidenziando in sostanza tre questioni. Ancisi le riprende in una nota che proponiamo di seguito, accompagnate dalle risposte ricevute dal capogruppo di Lista per Ravenna una per una, dal vicesindaco Fusignani in qualità di assessore al porto (Risposta Fusignani allagamenti Marina e Porto Corsini).

DARSENA PESCHERECCI: “Anche quest’anno, ed anche più, l’acqua del mare è strabordata a Marina di Ravenna dalla diga sud Zaccagnini e dal bacino pescherecci raggiungendo anche l’abitato. Il paese chiama in causa l’Autorità portuale perché, almeno in questi punti nevralgici, fortifichi finalmente le opere di difesa, temendo soprattutto che accada di peggio”.

Risposta di Fusignani: “Per quanto riguarda la questione della diga sud Zaccagnini nella cosiddetta Darsena Pescherecci le opere andranno a gara nel prossimo mese di gennaio”.

EX DARSENA DEL TRAGHETTO: “Dall’altra parte del canale portuale, Porto Corsini sta però peggio. L’anno scorso, alla vigilia di Natale, il Comitato cittadino dei Lidi Nord si sollevò contro l’ennesimo frequente allagamento di via Molo San Filippo dalla parte della vecchia e abbandonata darsenetta del traghetto sul canale Candiano, accusando l’Autorità portuale di aver promesso da due anni e non mantenuto l’auspicato intervento di riqualificazione e messa in sicurezza della zona”.

Risposta di Fusignani: “Allo stato sono già state effettuate le perizie su tutti i fabbricati limitrofi, al momento sono in corso le verifiche per individuare la presenza di eventuali ordigni bellici, pertanto si prevede nel mese di marzo l’arrivo e la infusione delle adeguate palancole”.

VIA MOLO SAN FILIPPO: “Ma quello che più preoccupa i residenti di sinistra canale è la totale esposizione del paese alla possibile scorreria del canale dal lato di via Molo San Filippo che affianca la parte ovest dell’abitato. Il primo lotto del ‘Rifacimento protezione di sponda dall’attracco del traghetto alla confluenza con il canale Baiona a Porto Corsini’ è stato realizzato, per 5,625 milioni di euro, tra l’autunno dei 2011 e la primavera 2012. Dalla Gazzetta ufficiale del 19 febbraio 2018, abbiamo appreso che l’Autorità portuale aveva allora deciso, in sostanza, di indirizzare 7,5 milioni di propri finanziamenti statali al completamento del suddetto ‘Rifacimento protezione di sponda a Porto Corsini’”.

Risposta di Fusignani: “Per il tratto di Molo San Filippo, situato all’inizio del centro abitato, si fa presente che al momento l’intervento non è a bilancio dell’Autorità di Sistema Portuale per il costo significativo (7,5 milioni di euro), ma la stessa Autorità sta verificando la possibilità di reperire risorse ministeriali o cambiare la programmazione di altri interventi. Resta la sentita esigenza”.

Ancisi asserisce di aver riportato l’ultima risposta a diversi cittadini ravennati ottenendo la seguente reazione: “Di Porto Corsini a questa amministrazione non importa nulla. Il tratto centrale della banchina è stato fatto nove anni fa. Paradossalmente è come iniziare una diga e fermarsi a metà dell’opera sperando che l’acqua non si rovesci ovunque. Dove sono finiti i 7,5 milioni stanziati nel 2018, certificati dalla Gazzetta Ufficiale? Perché a Marina l’intervento iniziato è stato completato senza interruzioni? Un canale dovrebbe avere due sponde. Porto Corsini ne ha mezza, che lascia scoperta da ogni minima agitazione delle acque metà delle case del paese dalla parte dell’ingresso”.

Il capogruppo di Lista per Ravenna conclude il suo intervento riportando fotogrammi che documentano implacabilmente la diagnosi sopra riportata, aggiungendo: “Sindaco e vicesindaco non possono continuare a lavarsene le mani. Non si presentino, quanto meno, alla scadenza del loro mandato (giugno 2021) senza che la banchina del Candiano sul lato ovest di Porto Corsini sia stata almeno progettata e messi a bilancio i 7 milioni e mezzo per finanziarla, resi disponibili nel 2018, ma distratti altrove. La sofferenza di Porto Corsini a fronte del rischio di allagamento da parte del canale Candiano è descritta visivamente dalle due foto attuali”.

Porto Corsini, foto attuale

Porto Corsini

Porto Corsini, foto attuale 2

Porto_Corsini_Foto_2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vittorio

    L’importante era fare l’attracco per le navi da crociera………