Quantcast

MasterChef. Eliminato Cristiano, presidente Pro Loco di Lugo: “Ora voglio dimostrare a tutti che chi vuole può” foto

L’ottava puntata di MasterChef 10, andata in onda ieri sera 4 febbraio, si è conclusa con l’eliminazione di Cristiano Cavolini, uno dei personaggi più amati del cooking show di Sky Uno, operaio di Solarolo nonché presidente della Proloco di Lugo.

Il verdetto dei tre giudici, Bruno Barbieri, Giorgio Locatelli e Antonino Cannavacciulo al termine del Pressure Test, ha sancito l’addio di Cristiano alla gara ma non ha infranto il sogno di Cavoli di aprire una trattoria.

A mettere in difficoltà Cristiano è stata la preparazione di un piatto a base di milza stufata, accompagnata da due ingredienti non facili da abbinare e bilanciare: ananas e zucca.

E’ stato lo chef Cannavacciulo a comunicare la decisione dei tre giudici: “Il tuo percorso di interrompe qui. Devi toglierti il grembiule e abbandonare per sempre la cucina di MasterChef”.

“Sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il mio momento – ha commentato l’aspirante chef -. Ho avuto tanta paura di questo momento, ho vissuto tutte le sfide pensando a questo momento, a volte non me le sono godute per paura a questo momento. Non finirò mai di ringraziare tutti perché ho superato i miei limiti e tutte le mie previsioni”.

“Ero consapevole che prima o poi avrei dovuto chiudere la saracinesca della mia trattoria a Masterchef – ha detto commosso – per cominciare un percorso fuori di qui, per arrivare ad aprire una fuori di qua”.

“Ricordati sempre che tu hai un talento innato. E’ il tuo gusto. Se studi, il tuo talento aprirà le porte di tutti i tuoi sogni” ha commentato lo chef Barbieri, prenotandosi per il giorno dell’inaugurazione della “Trattoria Cavolini”.

“Tu hai talento, sei pronto per aprire un ristorante. Ne sono sicuro” ha detto Locatelli e anche Cannavacciulo ha sottolineato la bontà delle preparazioni di Cavolini.

“E’ stato un sogno, un sogno vero. Ora ho voglia di dimostrare a tutti che chi vuole può” ha concludo l’aspirante chef romagnolo.