Quantcast

A Faenza si è tenuta la cerimonia di commemorazione di Karl Binder: “una storia di un secolo fa che può ancora insegnare”

Più informazioni su

Questa mattina nel Cimitero dell’Osservanza di Faenza si è tenuta la cerimonia di commemorazione di Karl Binder.

Karl era uno dei 25 bambini di Vienna, arrivati in città nel 1920, all’indomani della fine della Grande Guerra in segno di vicinanza alle popolazioni austriache che, travolte dall’evento bellico versavano in grave disagio. I bambini viennesi arrivarono a Faenza il 1° gennaio del 1920 e furono ospitati a Palazzo Mazzolani. Ritornarono in patria alla fine di aprile, ma uno di loro, Karl Binder, non riuscì a farlo perché già ammalato di tubercolosi. Il bimbo fu sepolto nel cimitero faentino e una lapide lo ricorda.

La cerimonia di questa mattina, trasmessa in diretta Facebook sulla pagina del Comune di Faenza, rientra nell’ambito delle iniziative organizzate dall’amministrazione per il progetto ‘conCittadini 2020/21’ promosso dall‘assemblea legislativa dell‘Emilia-Romagna al quale hanno partecipato alcune scolaresche della città.

“La Grande Guerraha ricordato il presidente del consiglio comunale Niccolò Bosiaveva lasciato aperte molte ferite. Il sentimento di odio verso i nemici era ancora forte. L’allora vicesindaco di Vienna lanciò un appello che l’Italia, e anche Faenza, raccolse: fu un gesto di grande umanità e un insegnamento che aprì una finestra di fratellanza, oltre le frontiere e le differenze. Oggi la pandemia evidenzia grandi differenze sociali e corriamo il rischio di alimentare l’egoismo, dimenticandoci di chi vive situazioni drammatiche, di povertà, di privazioni e di mancanza di libertà. È per questo che abbiamo voluto ricordare la storia di Karl Binden, perché pensiamo abbia ancora molto da insegnare”.

Per le istituzioni alla manifestazione di questa mattina hanno partecipato il sindaco Massimo Isola, l’assessora Martina Laghi, il presidente del consiglio comunale Niccolò Bosi e Manuela Rontini in rappresentanza dell’assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

 

Più informazioni su