Quantcast

Lugo. Il 10 aprile ricordata la liberazione dal nazifascismo

Più informazioni su

Sabato 10 aprile il sindaco di Lugo Davide Ranalli ha celebrato il 76esimo anniversario della Liberazione di Lugo dal nazifascismo con un momento di raccoglimento in forma riservata e senza pubblico davanti al monumento al 1st Jaipur Infantry, situato all’angolo tra via Mentana e viale Europa.

Il primo cittadino ha così ricordato l’impresa dei soldati indiani che per primi entrarono in città, il 10 aprile 1945, dopo aspri combattimenti sul fiume Senio che costarono la vita a molti di loro.

“10 aprile – dichiara il sindaco Davide Ranalli – per Lugo e i lughesi significa libertà dal nazifascismo, ricordo del sacrificio delle truppe indiane che per prime entrarono in città, gratitudine per chi ha sacrificato la sua vita per i valori di libertà e democrazia. Ci troviamo per il secondo anno a commemorare questa ricorrenza senza pubblico, ma la memoria non può fermarsi. Per questo motivo, come ogni anno, ho ricordato il 76esimo anniversario della Liberazione della nostra città davanti al monumento 1st Jaipur Infantry. L’ho fatto da solo, come l’anno scorso; so però che questa importante data è nel cuore e nella memoria di tutti e spero davvero che presto potremo tornare a ricordarla tutti insieme”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Angelo Ravaglia

    Bravo Sindaco!

    Iniziativa giusta e doverosa tramandare la memoria storica soprattutto di fronte al monumento di chi è morto lontanissimo da casa per la nostra libertà e democrazia.
    Mi auguro che per onorare il sacrificio dei soldati indiani gli si si possa in futuro trovare una collocazione più idonea poichè attualmente rischia di non essere notato per le ridotte dimensioni e la prossimità all’incrocio.
    Ad maiora!