Quantcast

“Raul Gardini, coraggio e visione di un Capitano”: il ricordo del Vicesindaco di Ravenna

Più informazioni su

“Oggi, 23 luglio – scrive il Vicesindaco di Ravenna Eugenio Fusignaniè la Festa di Sant’Apollinare, patrono di Ravenna. La città celebra da sempre il suo patrono la cui statua svetta, a fianco del “santo guerriero” Vitale, in una due della due colonne situate davanti a Palazzo Merlato. Ma nel giorno in cui Ravenna celebra il suo patrono, Sant’Apollinare, non posso non ricordare Raul Gardini e  quel 23 luglio del 1993 quando la città venne scossa dalla notizia della sua morte. Da allora, infatti, per i ravennati oggi non è solo una giornata di festa ma anche un momento di ricordo per un concittadino che ha segnato un periodo importante per la nostra comunità: dall’industria allo sport. Come dicevo, in quel terribile 23 luglio del 1993, la città ammutolì sgomenta alla notizia della morte di Raul Gardini. Ravenna, grazie a lui, era diventata una delle capitali mondiali della chimica e, sul versante sportivo, del volley e della vela”.

“Chi conosce questa città e le sue dinamiche – avanza il Vicesindaco – non può ignorare il ruolo di Gardini nel fare di Ravenna una città meno provinciale e più di respiro internazionale. E chi ha vissuto le glorie del Messaggero volley o le regate del Moro non può non commuoversi nel ricordarlo. È morto nel giorno di Sant’Apollinare, lui che possiamo paragonare più a San Vitale per quel suo spirito battagliero che lo ha caratterizzato per tutta la sua parabola umana, compreso nel modo scelto per uscire di scena. Se dovessi scegliere una frase per descriverlo, userei quella sua celebre battuta a Cino Ricci al termine di una regata di Coppa America: “Cocàt ‘sta progna, Cino.” In quello “slang” c’era tutto l’uomo: il suo successo, la sua indomita guasconeria, l’ironia e l’umanità. Ma io voglio ricordarlo al timone, con lo sguardo verso l’orizzonte a scrutare ed annusare il mare, come metafora di un Capitano che sapeva guardare avanti; forse troppo”.

“Sicuramente troppo in anticipo per il tempo in cui operò. Difficile scindere l’uomo dalla sua vicenda umana. Molto ha fatto per Ravenna; sicuramente più di quanto Ravenna abbia fatto per lui. Ricordarlo significa ricordarne il coraggio e la visione, spesso oltre il sogno. Quel saper osare e sognare che è prerogativa dei grandi. La sua visione internazionale e il suo attaccamento a Ravenna ne fanno vieppiù un anticipatore di quel “glocal” che oggi sembra la risposta più efficace per garantire sviluppo e sostenibilità. Seppe sempre pensare e agire in grande, forse troppo. Anche i suoi errori erano figli del suo essere grande. Perché il coraggio è anche quello di sbagliare. E con coraggio, pagò un conto altissimo. In questi 30 anni che ci separano dall’avventura del “Moro” ricordarlo è ancor più sentito. E ogni volta che nelle nostre passeggiate in Darsena alziamo orgogliosamente lo sguardo verso l’albero illuminato di quella straordinaria “regina delle onde”, rivolgiamo un pensiero ad un uomo che non piegò mai la testa di fronte a nulla se non alla sua coscienza. Un uomo che resterà per sempre nella storia come uno dei figli migliori della nostra terra” chiude Fusignani.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da obezio

    Bè indubbiamente bel commento di Fusignani, Gardini resterà per sempre nella memoria dei ravennati. Pur tuttavia da imprenditore non possiamo che riconoscere il suo fallimento, tutte le sue iniziative sono finite male. Era un giocatore, ma ha sempre trovato chi giocava meglio di lui. Dallo scontro Eni/Montedison alla causa sulla soja negli Stati Uniti per finire alla trappola di Mani Pulite, una disgrazia dietro l’altra. Diciamoci la verità, la finanza e l’industria non sono tavoli da gioco o una regata in mare. Ma essendo pieno di fascino, lo ricordiamo con affetto. Ma perchè Ravenna deve essergli grata???

  2. Scritto da Aldo

    Ringrazio il vicesindaco per le parole, il sindaco e il suo partito sono meno entusiasti.

  3. Scritto da Gian

    Ha fatto molto per Ravenna??? Stasi boh cle mei!!!