Stagione Ravenna Musica, al Teatro Alighieri arriva il Quartetto di Venezia: in programma Beethoven

Più informazioni su

Questa sera, giovedì 14 aprile 2016 per la stagione “Ravenna Musica” curata dall’Associazione Angelo Mariani, arriva al Teatro Alighieri il celebre Quartetto di Venezia, uno fra i pochissimi degni di coprire il ruolo dei grandi Quartetti del passato.

Formato dai violini Andrea Vio e Alberto Battiston, dalla viola Giancarlo di Vacri e dal violoncello Angelo Zanin, l’ensemble veneziano si caratterizza per rigore analitico e passione, qualità ereditate da due scuole fondamentali dell’interpretazione quartettistica: quella del “Quartetto Italiano” sotto la guida del grande e compianto violinista Piero Farulli e la Scuola Mitteleuropea del “Quartetto Vegh”, tramite i numerosi incontri avuti con Sandor Vegh e Paul Szabo.

Il Quartetto, che ha celebrato nel 2013 i trenta anni di attività, ha effettuato innumerevoli concerti in tutto il mondo e ha avuto l’onore di suonare per Sua Santità Papa Giovanni Paolo II e per il Presidente della Repubblica.

Tutto beethoveniano il programma ravennate, che prevede una triade di Quartetti che riassumano l’arco evolutivo della produzione quartettistica dell’autore: Quartetti n.1 in fa maggiore e n.3 in re maggiore dell’op.18, scritti tra il 1798 e il 1800 e appartenenti quindi al primo periodo, e il Quartetto in la minore op.132 composto nel 1825 e risalente all’ultimo periodo in cui Beethoven poté dedicarsi a questo genere. 

Nell’opera n.18, costituita di sei quartetti, il maestro di Bonn guarda alla “solidità costruttiva dei quartetti di Haydn degli anni Settanta e alla cantabilità dei Quartetti prussiani di Mozart, rielaborati con l’esuberanza propria del giovane Beethoven.”

Il Quartetto op.132 è caratterizzato da una felice e straordinaria complessità “dove le regole compositive vengono continuamente eluse e superate, e nella cui forma sonata la dialettica viene completamente trascesa in favore di un nuovo principio costruttivo.”

Il concerto, che si realizza coi contributi di Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, avrà inizio alle 20.30.

Più informazioni su