Volley serie C / Stop per l’Olimpia Master dall’ammazza Caffé Pascucci Rimini

OLIMPIA MASTER RAVENNA - CAFFÈ PASCUCCI RIMINI 1-3 (18-25, 25-8, 19-25, 18-25)

Più informazioni su

Dopo oltre due mesi e mezzo e dodici partite senza sconfitte, è ancora la Caffè Pascucci Rimini come “un girone fa” ad imporre lo stop all’Olimpia Master, questa volta tra le mura amiche della Palestra Montanari.

Era la sfida tra la seconda e la terza forza del campionato con le ravennati all’assalto della seconda piazza per la quale in verità non sarebbe bastata neppure la vittoria piena avendo comunque le riminesi una vittoria in più ma tutto sarebbe stato rimandato all’ultimo turno lasciando aperta ogni possibilità. Purtroppo la squadra di casa patisce la tensione e gioca tutta la gara in maniera piuttosto contratta. Rimini, seconda non a caso, si dimostra squadra molto forte in difesa e potente in attacco.

Con l’assenza pesante dell’ultima ora tra le fila Olimpia della schiacciatrice Berti, il sestetto iniziale di Vallicelli ripropone come centrale titolare Bazzanti assieme a Villa, Biondi e Divkovic in banda e la diagonale Mazzotti-Diop con Amadori libero. Le ospiti, consapevoli dell’importanza di una partita che poteva valere il secondo posto matematico in classifica, schierano la loro miglior formazione con Fioretti regista e Capponi opposto, Orsi e Ciavaglia centrali, Francia e Carnesecchi schiacciatori con Mariotti libero.

L’ 1-5 iniziale per Rimini fa subito intuire che la giornata per le ravennati sarà difficile e l’illusoria parità prima a 5 poi a 7, dura lo spazio di pochi istanti. Le ospiti grazie alla difesa e alle buone percentuali in attacco prendono via via il largo e chiudono il parziale sul 18-25.
Cambio campo e sembra un’altra partita. 11-0 Olimpia sul primo turno di servizio di Biondi e set che finisce ancora prima di iniziare con il coach riminese Brunetti che sullo 0-7 ha già speso i due time out. Non servono i cambi ad invertire la rotta. 25-8 e 1-1.
Il terzo set tra allunghi da una e dell’altra parte resta in equilibrio fino al 14 pari poi le ospiti allungano grazie alla migliore precisione di gioco. Quando il capitano Simona Carnesecchi inventa una ricezione perfetta di piede si capisce che non c’è pezza… Il set va via a 19 e Rimini va sul 2-1.

Forse la delusione per l’obiettivo aggancio fallito gioca un altro brutto scherzo alle giallorosse che regalano solo qualche lampo di bel gioco, subiscono un brutto break negativo di 6 punti dal 12-14 al 12-20 che costa definitivamente quarto set e partita.
L’analisi di Vallicelli a fine gara è lucida e serena. “Quando si vince tanto, perdere fa specie. Oggi non siamo state precise nei fondamentali e dall’altra parte della rete avevamo una squadra forte, non per caso seconda in classifica. Non dobbiamo abbatterci più di tanto, il nostro campionato è stato pieno di buone cose e qualche serata storta, oggi è stata una di queste. Ma ai playoff comunque ci siamo, possiamo giocarcela con tutte e quello che verrà verrà, saremo comunque soddisfatti”.

Il prossimo fine settimana vedrà giocare l’ultimo turno della stagione regolare e l’Olimpia, raggiunta a quota 57 da Ozzano ma quarta per numero di vittorie, sarà in trasferta a Riccione e solo dopo questo turno si definirà la griglia dei playoff per definire la quarta promozione in serie B2.

I Tabellini:
OLIMPIA MASTER RAVENNA – CAFFÈ PASCUCCI RIMINI 1-3 (18-25, 25-8, 19-25, 18-25)

OLIMPIA MASTER RAVENNA: Raggi, Biondi 13, Quercioli, Diop 10, Amadori (L), Bazzanti 5, Mazzotti (K) 5, Divkovic 17, Villa 7. N.e. Casadei, Balestri, Ribonetto. All. Vallicelli
CAFFÈ PASCUCCI RIMINI: Francia 15, Capponi 12, Ciavaglia 11, Orsi 8, Caimi, Carnesecchi 9, Mariotti (L), Soldati, Munari, Fioretti 3, Ugolini. All. Brunetti

Arbitri: Fedele Pastore e Fabrizio Tagliani (Ferrara)
Durata set: 22′, 17′, 22′, 25′. Totale 86′

Più informazioni su