Quantcast

Arrampicata sportiva/ Per Istrice Ravenna un argento e due bronzi ai campionati nazionali giovanili

Più informazioni su

Si è conclusa con il pieno di emozioni e soddisfazioni la trasferta in terra trentina dei giovani arrampicatori della società giallorossa. Nella splendida cornice del Climbing Stadium di Arco di Trento, dal 29 maggio al 3 giugno più di 500 atleti provenienti da tutta Italia con età compresa tra i 9 e i 20 anni hanno dato vita ad una kermesse sportiva di alto valore tecnico e spettacolare che ha catturato e catalizzato l’attenzione di innumerevoli turisti ed appassionati per più di sei giorni.

Nella categoria U10M un Ludovico Borghi in grande spolvero, alla sua prima partecipazione ai campionati nazionali, indirizza subito la prima medaglia, quella d’argento, verso la Romagna facendo registrare il miglior tempo assoluto in qualifica nella specialità speed con distacchi siderali sui più diretti inseguitori e cedendo solo in finale per una sfortunata scivolata. Raccogliendo i frutti di un intenso lavoro di preparazione tecnico e psicologico svolto dal duo degli allenatori Luca Turci e Paolo Strocchi, Ludo sorprende tutti anche nella specialità boulder dove, dopo una gara perfetta con sette top al primo tentativo, raggiunge lo spareggio finale e chiude con un ottimo quinto posto.

Nella categoria U10F Alice Strocchi conferma l’eccellenza ravennate nella specialità speed conquistando la medaglia di bronzo dopo aver mancato per una manciata di centesimi l’accesso alla finalissima che le avrebbe consentito di combattere per il titolo di specialità. Anche nella specialità Lead (difficoltà) Alice regala grandi emozioni rimontando posizione su posizione , rispondendo colpo su colpo alle fortissime avversarie e chiudendo la gara al quarto posto sfiorando dunque ancora il podio. Grazie alla ottima prestazione anche nella gara boulder Ali conquista infine uno splendido quarto posto nella classifica di combinata. Nella stessa categoria si registra il buon esordio delle altre due atlete ravennati Ginevra Tommasin ed Elena Allegri che forse un pò frenate dalla tensione e dall’emozione lasciano comunque intravedere sprazzi di ottima tecnica ed ottime aspettative per le prossime stagioni.

La terza medaglia, ancora di bronzo, viene da Francesca Vasi, nella categoria U16F, ancora nella specialità speed. Dopo due buoni piazzamenti nelle specialità Lead (difficoltà) e boulder, Francesca, nell’ultimo giorno della rassegna nazionale, vola sul podio regalando al pubblico sfide al cardiopalma e confermandosi in questa specialità ai vertici della sua categoria. La Fra festeggia in questo modo anche la chiamata da parte della squadra nazionale italiana che la vedrà presto impegnata a difendere il tricolore in Polonia.

Più informazioni su