Alfonsine, parla Mattia Saporetti. L’amichevole con la Sammaurese finisce 1 – 1

Più informazioni su

È pareggio con una rete per parte fra Alfonsine e Sammaurese. All’inizio si alternano un po’ i fronti, con un leggero vantaggio in termini di possesso per la Sammaurese. Nel secondo tempo pressano di più i giallorossi, alla ricerca del pareggio, ma i biancazzurri rispondono a tono, anche se non riescono a tornare in vantaggio. In luce un poliedrico Hysa, con ottime doti di esterno basso sulla destra, così come Succi, uno che non ha bisogno di presentazioni; bene anche Casadei, rapido a sfruttare l’occasione giusta anche se senza fortuna; Federico Innocenti gioca ottimamente, dimostrandosi componente importante della squadra anche a 39 anni; buona prestazione per Bertoni e Derjai, bravo come sempre Alessandrini, tutto grinta e corsa, oggi anche a segno; e davanti si diventa ancora più pericolosi con l’ingresso di Riccardo Innocenti, con i suoi passaggi al miele.

La cronaca. Giornata calda al Brigata Cremona, che presenta la seconda tribuna come da regolamento per la Serie D. La prima emozione al 16’, quando dalla bandierina Federico Innocenti la mette all’interno dell’area piccola, Hysa stacca di testa, ma mira troppo a lato. Al 24’ palla pericolosa calciata da destra ad opera di Costantini, una sorta di tiro-cross che Palermo respinge. Al 32’ Federico Innocenti lancia in area, lo scatto di Casadei che colpisce palla da posizione laterale, ma Ramenghi chiude e respinge in uscita. Al 38’, dopo una mischia in area, riceve palla Alessandrini che spara una cannonata molto angolata dove Ramenghi non può arrivare.

Seconda frazione. Noschese al 51’ tira dall’interno dell’area e colpisce la traversa. Al 53’ replica giallorossa con Pieri che viene servito con un lancio preciso e trova la deviazione vincente davanti alla porta. Al 57’ cross basso in area di Merciari che trova nuovamente pronto Pieri, ma stavolta la mira è troppo alta. Al 59’ ci prova da fuori Costantini, ma la mira è sbagliata. Al 71’ Derjai dalla sinistra crossa in mezzo per Magri, ma il suo colpo di testa è troppo addosso a Palumbo. All’80’ Riccardo Innocenti spizza la palla per Venturi, che vedendola a mezz’aria tenta un difficile impatto, ma non centra la porta. All’87’ ancora Riccardo Innocenti che la allunga di testa sempre a Venturi, il tiro, ma anche questa volta non è fortunato.

ALFONSINE: Palermo, Hysa (45’ st Ricci Maccarini), Sarto Filippo (62’ Manara), Ricciotti (62’ Magri), Scatozza (62’ Hysa; 81’ Bartolomei), Succi (62’ Bertoni), Casadei (62’ Santucci), Alessandrini (62’ Derjai), Gavoci (62’ Innocenti Riccardo), Innocenti Federico (81’ Martino), Tavolieri (62’ Venturi). All. Gori

SAMMAURESE: Ramenghi (45’ st Palumbo; 76’ Alexanderau), Mazzotti (82’ Deikv), Merciari (82’ Borghi), Brighi (45’ st Louati ), Santoni (76’ Di Marco), Lombardi (82’ Nicoli), Toromani (45 st Pieri), Scarponi (76’ Paganelli), Diop (76’ Rosti), Costantini (65’ Lisi), Noschese (82’ Ceccarelli). All. Protti

RETI: 38’ Alessandrini (A), 53’ Pieri (S)

MATTIA SAPORETTI

Il suo curriculum parla da solo. Mattia Saporetti classe 2000, di statura alta persino per un calciatore, che rinuncia al Carpi per venire all’Alfonsine… di certo avrà un motivo per aver fatto questa scelta. Sarà grazie allo “charme” del tecnico Gori? Al desiderio di tornare a giocare in zona? O al fascino del campionato senior di Serie D?

Innanzitutto, Mattia, parlaci della tua carriera calcistica…

“Dopo sette anni di Russi sono passato al Forlì, dove ho trascorso tre anni importanti. L’annata che mi ha messo in maggiore vista è stata la stagione 2014/2015. Nell’estate 2015 sono passato al Carpi, dove ho trascorso altrettanti anni. La scorsa stagione sono passato al Napoli”

E cosa ti ha spinto, specie dopo palcoscenici del genere, ad aderire al progetto Alfonsine?

“Dopo diversi anni di lontananza avevo bisogno di respirare aria di casa e di mettermi in gioco nel mio primo anno ‘nei grandi’.”

Sappiamo che sei molto motivato: quali sono i tuoi obiettivi per questa stagione?

“Esatto, la motivazione è tanta. Venendo da un anno non particolarmente positivo c’è tanta voglia di riscatto, sperando di essere d’aiuto alla squadra, dando sempre il meglio”.

A cura di Alex Caravita

Più informazioni su