Piacenza amara per il Ravenna che crea nonostante assenze, ma paga cinismo dei padroni di casa

Più informazioni su

Ravenna si presenta incerottato al Garilli di Piacenza, dove Foschi è costretto a rinunciare a Papa, Jidayi e Pellizzari. Nonostante lo svantaggio iniziale il Ravenna non si scompone e dimostra di potere creare grossi grattacapi al Piacenza. Ma il gran gol di un Cacia in gran spolvero e Paponi con una doppietta condannano i romagnoli ancora a secco negli scontri diretti in casa dei biancorossi.

Piove sul bagnato in casa Ravenna con Martorelli costretto ad uscire al 5’ per un problema muscolare, al suo posto Grassini. Al 14’ la partita si sblocca, errato disimpegno di Purro sul quale si avventa Paponi che beffa Spurio con un pallonetto per il vantaggio piacentino. Ravenna che ci prova con Giovinco abile ad eludere il fuorigioco, ma la conclusione disturbata dal rientro di Milesi è preda di Del Favero. Grande occasione, ancora per il Ravenna al 33’, Giovinco con furbizia serve Nocciolini battendo velocemente una punizione dal limite, ma la conclusione del numero nove giallorosso sibila a fianco al palo a portiere battuto. Ospiti che spingono alla ricerca del pareggio e si rendono pericolosissimi con il tiro di Lora allo scadere, ma anche in questo caso il tiro esce con Del Favero fermo.

La ripresa si apre con Foschi che inserisce Raffini per Ricchi e passa al 4312, ma il primo tiro è del piacentino Corradi sull’esterno della rete. Risponde subito il Ravenna con un grande inserimento di Lora che però non trova sostegno. Altro brivido per la difesa giallorossa al 6’ con Cacia che spreca un fantastico assist solo da appoggiare in rete, un’occasione facile per una punta con quel palmares, ma si rifarà con gli interessi. Al quarto d’ora il meritato pareggio del Ravenna, assist di Giovinco sull’inserimento di Lora che questa volta non lascia scampo a Del Favero.

Il pareggio dura però solo 3 minuti perché proprio Cacia punisce i giallorossi spedendo alle spalle di Spurio un destro di contrabbalzo. Ed è di nuovo lo stesso Cacia che al 22’ giostra il contropiede con cui manda in porta Paponi per il gol del 3-1. Dopo solo tre minuti Giovinco ha la palla per riaprirla su un rinvio sbagliato de portiere, ma non inquadra la porta. Il Piacenza addormenta il match, ma il Ravenna ha un’altra opportunità con Sabba sul cui destro da dentro l’area viene salvato in angolo dal portiere. La partita va in archivio così con un Piacenza che dimostra il cinismo della grande squadra e concretizza le azioni create ed un Ravenna che esce con il rammarico di avere giocato alla pari con una candidata al titolo e la convinzione che con più precisione sotto porta forse il risultato sarebbe stato diverso.

Le dichiarazioni del mister al termine della gara: “Oggi la differenza l’ha fatta chi è stato più bravo a sfruttare gli errori, infatti se andiamo a contarle abbiamo avuto più occasioni noi di loro. Abbiamo sbagliato 3 o 4 gol facili, una partita secondo me ben giocata dalla mia squadra, siamo arrivati a giocare contro una corazzata ed abbiamo fatto una buona prestazione, dimostrato di sapere giocare a calcio. Per questo andare a casa senza punti in tasca ci crea ancora più rammarico.Dopo avere trovato il pareggio mi sembrava stessimo meglio del Piacenza, ed invece abbiamo subito un eurogol che ha cambiato le sorti dell’incontro. Peccato ma faremo tesoro della prestazione.”

Piacenza – Ravenna Football Club 1913: 3-1

Piacenza: Del Favero, Imperiale (22′ st Zappella), Pegreffi, Sestu, Cacia (39′ st Sylla), Corradi (22′ st Cattaneo), Marotta (38′ st Nicco), Milesi, Della Latta, Bolis, Paponi (30′ st Nannini). A disp.: Bertozzi, Ansaldi, El Kaouakibi, Giandonato, Borri, Forte. All.: Arnaldo Franzini.

Ravenna Football Club 1913: Spurio, Ricchi (1′ st Raffini), Ronchi, Martorelli (5′ pt Grassini), Nocciolini (25′ st Fyda), Selleri (25′ st Sabba), Purro, D’Eramo, Sirri, Giovinco, Lora (34′ st Mustacciolo). A disp.: Cincilla, Maltoni, Nigretti, Fiorani. All.: Luciano Foschi.

Reti: 15′ pt Paponi, 15′ st Lora, 18′ st Cacia, 22′ st Paponi.

Note: Ammoniti: Corradi, Sirri.

Piacenza - Ravenna

Più informazioni su