Giovanni Bosi parla di calcio e valori agli incontri di Faventia Sales

Più informazioni su

Lunedì 18 novembre, alle 20.45, presso i locali di Faventia Sales, all’interno del Ciclo di incontri “Cresco Io, Cresci Tu”, organizzati dalla società sportiva FAVENTIA APD, gratuiti ed aperti al pubblico, con il patrocinio del Comune di Faenza, sarà ospite Giovanni Bosi, allenatore dell’Atalanta cat. U17 Berretti. Nell’occasione Giovanni Bosi testimonierà di come, anche in un contesto professionistico, non si possa prescindere dalla cura e dallo sviluppo di valori intangibili fin dall’età giovanile.

La società sportiva FAVENTIA APD opera sul territorio con modalità e finalità peculiari. Per il FAVENTIA non è importante solamente il risultato ottenuto nelle competizioni ufficiali ma, soprattutto, l’efficacia dell’educazione perseguita tramite la diffusione della cultura sportiva e dell’insegnamento del rispetto che ogni giocatore, dirigente o membro dello staff, deve mostrare in ogni situazione e verso tutte le persone con le quali si rapporta. Da circa 3 anni il FAVENTIA ha avviato un progetto di riqualificazione del campo sportivo situato presso il complesso degli Ex Salesiani, portato a termine in estate e dove oggi sono presenti oltre 200 bambini del settore giovanile da poco costituito.

Giovanni Bosi è nato a Faenza il 1º ottobre 1969 ed attualmente riveste la qualifica di allenatore dell’Atalanta cat. U17 Berretti. Come giocatore, cresciuto nel Cesena, nel 1989 Bosi viene ceduto al Modena in Serie C1 dove alla prima stagione contribuisce alla promozione in Serie B, rimanendo poi in gialloblu per altre due stagioni. Nel 1992 si trasferisce all’Ascoli dove gioca da titolare tre anni in Serie
B. Nel 1995 passa al Bologna che aiuta a salire in Serie A, prima di fare ritorno a Cesena (nuovamente in Serie B).
Successivamente farà due esperienze in Serie C1: per alcuni mesi di nuovo ad Ascoli e poi alla Pistoiese. Nel 1998 passa al Treviso dove gioca tre stagioni in Serie B ed una in Serie C1, prima di chiudere la carriera in due
squadre romagnole: Faenza in Serie D e Forlì in Serie C2. Complessivamente ha totalizzato 328 presenze (con 5 reti) in Serie B.

Da allenatore, il 20 giugno 2005 ritorna al Treviso come allenatore nel settore giovanile. Il 21 febbraio 2006 con il passaggio di Diego Bortoluzzi alla guida della prima squadra, è promosso ad allenatore della Primavera che nella stagione seguente guida fino ai quarti di finale del campionato. Il 12 luglio 2009 in seguito al fallimento della società, rimane svincolato. Il 23 settembre viene nominato nuovo allenatore del Pordenone che milita in Serie D, in sostituzione dell’esonerato Massimo Pavanel. Chiude il
campionato al 7º posto. Il secondo anno lo chiude al 10º posto. Il 18 marzo 2013 ritorna al Treviso in Lega Pro Prima Divisione ma questa volta in qualità di allenatore della prima squadra, in seguito all’esonero di Gennaro Ruotolo.
Il 18 giugno seguente diventa il tecnico della formazione Primavera del Palermo – nello stesso periodo è anche collaboratore di Renzo Ulivieri al settore tecnico di Coverciano. È confermato nel ruolo per la stagione 2014-2015. Durante la sua avventura sulla panchina rosanero, porta la squadra ogni anno alla fase finale e raggiunge le semifinali della Viareggio Cup 2014. Il 24 gennaio 2016 siede per la prima volta in panchina della prima squadra ufficialmente come allenatore, a causa del mancato transfer
del tecnico rosanero Guillermo Barros Schelotto, che va in panchina in qualità di direttore tecnico. Il Palermo vincerà per 4-1 contro l’Udinese.
Il 10 febbraio viene nominato ufficialmente primo allenatore della squadra rosanero in quanto la UEFA non ha riconosciuto la validità del patentino da allenatore di Schelotto. Il suo vice sarà Giovanni Tedesco, che aveva già guidato la squadra nelle precedenti 3 gare in virtù della non ufficialità del tecnico argentino. In seguito ritorna alla guida della Primavera venendo
eliminato in finale dalla Juventus al Torneo di Viareggio e ai quarti di campionato dall’Inter.
Dall’estate del 2017 riveste la qualifica di allenatore dell’Under-17 dell’Atalanta.

Più informazioni su