Festa del volley: a Ravenna il riconoscimento “Super città volley” in memoria di Sergio Guerra e Franco Anderlini

L'assessore Fagnani “Una grande emozione per questo premio che onora la storia dello sport della nostra città”

Più informazioni su

Nell’ambito della Festa del volley organizzata dall’Associazione nazionale atleti olimpici e Azzurri d’Italia (A.N.A.O.A.I.) al Palazzo Vecchio di Firenze, ieri 1° dicembre, l’assessore allo Sport Roberto Fagnani ha ritirato il premio “Super città volley” assegnato quest’anno a Ravenna in memoria di Sergio Guerra e Franco Anderlini: “È stato emozionante ritirare il premio in onore di due grandi commissari tecnici che hanno fatto la storia dello sport della nostra città e di tutta la pallavolo italiana, – dichiara l’assessore allo Sport Roberto Fagnani – l’evento è stato un’occasione per incontrare tanti campioni che hanno vestito la maglia azzurra della nazionale di volley, raggiungendo grandi successi. Molti gli atleti e le personalità ravennati e gli sportivi che sono stati protagonisti sul palcoscenico bizantino”.

La premiazione si è tenuta nel salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio e per l’occasione l’Associazione nazionale atleti olimpici e Azzurri d’Italia ha presentato il lavoro fatto coinvolgendo centinaia di scuole. Un progetto nato con la collaborazione dell’Associazione medaglie d’oro al valore atletico (A.M.O.V.A.), delle Leghe Pallavolo, FIPAV e CONI, con l’obiettivo di trasmettere l’ideale della maglia azzurra e dei valori dell’etica sportiva.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mauro Masotti

    Buongiorno, prendiamo atto ed apprezziamo tutti il riconoscimento ricevuto da Ravenna come “Super città volley”, ma non possiamo nascondere il nostro stupore nell’apprendere che Franco Anderlini sia stato un tecnico di Ravenna invece che di Modena… In realtà la nostra città ha avuto 3 allenatori delle nazionali maggiori italiane: il primo è stato Angelo Costa, uno dei padri della pallavolo italiana (insieme ad Anderlini), il secondo Sergio Guerra, il terzo Marco Bonitta, che oggi allena la Consar ma che è stato campione del mondo con la nazionale femminile…
    Giusto il riconoscimento, quindi, ma necessaria la precisazione.
    Mauro Masotti, presidente Fipav Ravenna

  2. Scritto da Giova

    Oltre allo stupore condivisibile di Mauro Masotti, anche se probabilmente riconducibile ad errata esposizione nell’articolo giornalistico, sorprende oltremodo la supponenza con cui l’Amministrazione Comunale ravennate trova vanto nel ricevere (e manifestare con artefatto orgoglio …)un premio che , onestamente e fuori dai denti, dovrebbe coerentemente avere pudore di disconoscere, in considerazione della totale e volontaria incapacità di collaborazione da parte degli stessi amministratori con la società pallavolistica della massima serie che da anni arranca nella totale indifferenza delle istituzioni locali (nonostante promesse e asserzioni di disponibilità, finite inesorabilmente nel vuoto). Semplicemente vergognosi.