L’OraSì Ravenna in rimonta batte Verona 69-65. Otto centri su otto in casa

Più informazioni su

L’OraSì Ravenna vince una gara durissima contro Tezenis Verona e mantiene l’imbattibilità casalinga. Finisce 69-65 per i giallorossi, in un Pala De Andrè ancora una volta quasi gremito. La squadra di coach Cancellieri, dopo un inizio complicato e più volte sotto nel punteggio, ha saputo rispondere con una seconda parte di gara difensivamente molto importante, concedendo a Verona 27 punti dei 65 complessivi. Una vittoria a punteggio basso, che più che nei numeri trova il suo fondamento nell’energia e nell’aiuto reciproco dei giocatori scesi in campo.

Ravenna in campo con Potts, Thomas, Chiumenti, Marino e Sergio. Verona risponde con Love, Candussi, Udom, Severini e Hasbrouck.
Il primo minuto si gioca nel silenzio del Pala de Andrè, con le due tifoserie unite nel raccoglimento per la scomparsa del vicepresidente del Kleb Basket Ferrara, Marco Cocchi.
Verona parte bene con Candussi, Severini e il rientrante Hasbrouck (4-10), coach Cancellieri mette Jurkatamm per Potts poi Ravenna impatta, grazie ad una giocata da 4 punti di Tommaso Marino (la terza consecutiva in stagione), con lo stesso capitano che mette la tripla del 13-10.
Ritmi altri, Severini dall’arco riporta avanti gli ospiti (15-16), il primo quarto si chiude 19-18.
Prandin-Rosselli-Morgillo per lo 0-7 di inizio secondo quarto (19-25) che costringe coach Cancellieri al timeout. L’OraSì ricuce fino al 25-28, poi Verona con Hasbrouck e Rosselli arriva a +10 (25-35) per un altro timeout Ravenna. Treier mette dalla lunetta i suoi primi due punti e prova a tornare sotto, si va all’intervallo sul 31-38.

Hasbrouck ricaccia subito indietro l’OraSì che risponde dall’arco prima con Potts poi con Jurkatamm (37-41). Verona resta avanti ma Ravenna aumenta i giri in difesa e si riavvicina ancora con Potts e pareggia con Chiumenti (45-45). Gli attacchi faticano e ogni canestro vale oro, Tomassini da una parte e Treier dall’altra bombardano da tre, Chiumenti dalla lunetta regala il nuovo vantaggio OraSì (50-48). Udom ancora dall’arco mette il 50-51 che pone fine al terzo quarto.
Ultimi dieci minuti palpitanti, Verona segna ma Ravenna risponde colpo su colpo con tenacia e talento (58-59 al 35’). Marino ridà il +1 ai giallorossi ma Thomas commette il suo quinto fallo. Ultimi 4 minuti intensissimi, esce anche Udom per falli, dalla lunetta Ravenna fa 2/4 e Severini pareggia ancora dall’arco 65-65. La tripla di Marino a 35 secondi dalla fine fa esplodere il Pala de Andrè, poi il sigillo è di Potts, che recupera un rimbalzo e mette il libero del definitivo 69-65. Per l’OraSì è l’ottava vittoria casalinga su otto partite.

Coach Cancellieri: “Abbiamo fatto molta fatica ad attaccarli, nel secondo quarto abbiamo concesso troppi tiri aperti e loro hanno trovato facilmente la via del canestro. Nel terzo quarto siamo usciti, pur lasciandoli tirare ancora troppo da tre, che è una loro caratteristica ma siamo stati presenti, concedendo solo 14 e 13 punti. Noi stiamo rendendo al massimo livello che questa squadra può raggiungere. Non è affatto scontato che sia così, siamo un gradino sopra all’ordinario, ma per mantenere questo standard dobbiamo continuare così, aiutandoci tutti, dallo staff, ai giocatori ai tifosi”.

Tommaso Marino: “Dobbiamo continuare a sorprenderci di quello che stiamo facendo, che è davvero qualcosa di speciale”.

OraSì – Tezenis 69 – 65

OraSì Ravenna: Farina NE, Potts 13, Jurkatamm 7, Thomas 10, Chiumenti 8, Marino 17, Zanetti ne, Treier 10, Venuto 4, Seck, Sergio, Bravi NE. All. Cancellieri. Assistenti: Bulleri, Taccetti.

Tezenis Verona: Beghini NE, Guglielmi NE, Love 2, Tomassini 8, Candussi 7, Prandin 3, Rosselli 11, Udom 5, Severini 14, Morgillo 2, Hasbrouck 13. All. Diana. Assistenti: Comazzi, Dall’Ora.

Parziali: 19-18, 12-20, 19-13, 19-14.

Arbitri: Foti di Vittuone (Mi), Morassutti di Sassari, Marota di S. Benedetto del Tronto (AP).

Ravenna: 12/35 da due, 9/20 da tre, rimbalzi 36 / Verona: 13/26 da due, 12/35 da tre, rimbalzi 38.

Spettatori: 2.800.

CORDOGLIO PER FERRARA

La società Basket Ravenna esprime le sue più sentite condoglianze al Kleb Basket Ferrara e alla famiglia del vicepresidente Marco Cocchi, venuto a mancare nel pomeriggio di ieri durante la gara giocata a Mantova. Il sodalizio giallorosso “si stringe in un forte abbraccio alla società estense in questo difficile momento”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo

    Il basket sta riuscendo in un’impresa impensabile:sta facendo innamorare i ravennati allo sport…

  2. Scritto da Fabio

    Grazie Ragazzi. Ogni domenica è una festa, bellissime vittorie, bellissimo ambiente, grande atmosfera.A tutti quei ravennati che ancora non sono riusciti a venire a vedere una partita dico non capite cosa vi state perdendo. Forza Ravenna.