Ravenna. 4 km di Darsena saranno illuminati. L’Assessore Fagnani appoggia l’interrogazione del consigliere Gatta

Nella seduta di ieri, martedì 21 gennaio, l’assessore allo sport Roberto Fagnani, rispondendo all’interrogazione presentata in Consiglio Comunale dal consigliere Pd Rudy Gatta, ha assicurato che l’Amministrazione si impegnerà “per ottenere le concessioni necessarie e studiare gli interventi al fine di illuminare l’intera Darsena di città e garantire una maggior fruibilità per i tanti runner che usufruiscono di questo luogo” .

“Con l’illuminazione lungo tutta la Darsena di città  su entrambe le banchine del Candiano, si potrebbe correre in sicurezza a qualunque ora – aveva dichiarato il consigliere nell’interrogazione –. Basterebbe poco e sarebbe facilmente sostenibile economicamente. Ravenna, oltre che a una destinazione turistica, ha una spiccata vocazione per gli sport outdoor, in particolare per il running, dimostrata anche dalla grande partecipazione alla Maratona Internazionale Ravenna città d’arte che nell’edizione 2019 ha raggiunto il numero record di oltre 18 mila partecipanti. Il running e il walking richiedono luoghi idonei per sostenere continui allenamenti, al riparo dai pericoli del traffico, dallo smog e accessibili a qualsiasi ora del giorno e della notte, in linea con stili di vita sempre in continuo cambiamenti e la darsena di città, con i suoi 4 km circa lungo le banchine, rappresenta già di per sé un circuito naturale perfetto”.

Il consigliere Pd aveva inoltre chiesto all’Amministazione di farsi carico di portare avanti questa istanza con l’Autorità Portuale di Sistema dell’alto adriatico, “per chiedere che tutto il perimetro della darsena di città venga dotato di un sistema di illuminazione a basso impatto di consumo energetico e che vengano effettuati idonei interventi di sistemazione del manto stradale e a favore dell’accesso alle banchine dal ponte mobile, che ne permettano la fruibilità anche nelle ore notturne a tutte le persone che vogliono utilizzarla per le camminate o per gli allenamenti di corsa.”

L’assessore allo Sport Roberto Fagnani, rispondendo all’interrogazione, ha dichiarato che “il Comune di Ravenna ha già in concessione da Ap un’area di 19.000 m²  della Darsena, ed è evidente che il movimento podistico ravennate è in continuo aumento e che l’area della Darsena è utilizzata da tanti appassionati”.
“Sono d’accordo con la sua richiesta – ha concludo Fagnani – e posso confermare che il Comune si sta già attivando per poter avere le concessioni necessarie e studiare gli interventi utili per poter garantire una maggior fruibilità di questi luoghi e dare ai podisti la possibilità di usufruirne in maniera tranquilla”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da armando

    GRANDIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII .- speriamo che non sia la solita “fuffa” sulla Darsena

  2. Scritto da Munez

    Ci sono molti runner che corrono anche sugli argini dei fiumi, si potrebbero illuminare anche questi, Ronco, Montone, Lamone, Reno, .. qualche decina di km di argini da illuminare dovrebbero essere un investimento sostenibile, .. soprattutto in campagna elettorale.

  3. Scritto da Stefano

    Oltre ai Runner, Ravenna ospita moltissimi Cicloturisti che spesso frequentano, in Mountain-Bike, argini e stradelli, che costeggiano le nostre Valli e i fiumi del territorio.
    Sarebbe bello che l’Amministrazione Comunale anche se non pienamente copetente,si attivasse, assieme agli altri Enti, nel tenere fruibili tali percorsi, con semplici opere di sfalcio e idonea segnaletica.

  4. Scritto da Giovanni lo scettico

    Speriamo che non installino dei lampioni da 3000 Euro l’uno.