Ravenna F.C. Il presidente Brunelli: “Determinati a superare anche l’ultimo ostacolo”

Primo sfida playout oggi pomeriggio alle 18.30 al ‘Mancini’ di Fano tra la squadra locale e il Ravenna. Il presidente Brunelli introduce una sfida storica per quanto riguarda le condizioni in cui sarà giocata.

Con che spirito arriva la squadra all’appuntamento di Fano?

“La squadra arriva a questa sfida con la tranquillità necessaria di chi sa di aver fatto tutto il possibile per essere pronto. E poi c’è la consapevolezza di avere i mezzi per riuscire nell’impresa.”

Secondo lei, in una partita del genere, qual è l’aspetto preponderante? Tecnico, motivazionale o atletico?

“Ciascuno di questi aspetti gioca un ruolo chiave. Si può essere preparati al meglio fisicamente, ma senza la giusta concentrazione si fa poca strada. Purtroppo, giocando una stagione in 180 minuti per causa di forza maggiore, significa che anche la casualità potrebbe avere una certa incidenza del caso sull’esito.”

La classifica del campionato, ‘cristallizzata’ al momento della sospensione, ha detto che il Ravenna ha 6 punti in più del Fano. È un punto di partenza degno di essere preso in considerazione, oppure si riparte da zero?

“E’ un punto che deve farci riflettere perché costituisce la prova che questa partita non ha alcun senso dal punto di vista del merito sportivo, è semplicemente il risultato di una gestione pessima di una emergenza. Inoltre, voglio ricordare, che giocare costerà cifre assurde per questa categoria esponendo molte persone a rischi che nessun sa davvero calcolare. Dal punto di vista tecnico, in questo scenario, quei sei punti valgono zero.”

Il Fano deve assolutamente vincere almeno una partita, dunque non potrà limitarsi a gestire la situazione. Può essere un vantaggio sapere quale sarà l’unico obiettivo dell’avversario?

“Se pensassimo di entrare in campo con il favore di qualche pronostico, azzereremmo immediatamente quel vantaggio. Mi creda, non sono parole di circostanza, in queste partite non esistono favoriti. I ragazzi lo sanno bene.”

Quante possibilità ha il Ravenna di salvarsi?

“Cinquanta.”

Perché il Ravenna si merita la salvezza?

“Non è una domanda alla quale ha senso rispondere. Con undici giornate cancellate, non solo il Ravenna merita la salvezza, ma anche tutte le squadre coinvolte in questa formula priva di logica. Premesso ciò, come Presidente di questa società capisco l’importanza storica dell’evento, ma rifiuto categoricamente l’idea che la reputazione del Ravenna FC e quanto di buono creato in questi anni, possano essere definiti da questa specie di lotteria. Questa società ha proseguito e proseguirà nel cammino segnato senza cercare alibi o scappatoie anche di fronte a una situazione talmente discutibile. Quanto al merito, saranno i giocatori sul campo a mostrarlo.”

Si riparte a giocare nonostante tanti club, Ravenna compreso, fossero contrari. Come vive questo ritorno in campo con una posta in palio così importante?

“Lo vivo con la consapevolezza che non sarà il merito sportivo a definire una stagione fatta di molti sacrifici. La affronto con le preoccupazioni che erano alla base della nostra posizione contraria a questa soluzione, basta pensare ai rischi che molti professionisti stanno correndo ma anche agli assurdi sforzi economici fatti per adeguarci al protocollo. Dunque, da un certo punto di vista, lo vivo anche con un certo distacco, perché l’esito non dipende solo dalla nostra volontà. Dunque, non saranno due partite secche da giocare in queste condizioni, dopo tre mesi di stop, a definire anni della nostra gestione. Detto ciò, il Ravenna FC guarda avanti e non cerca alibi. L’unica cosa rimasta nel nostro controllo, riguarda il campo. I ragazzi lo sanno e faranno di tutto per vincere, sapendo di averne i mezzi, così come la società ha fatto tutto ciò che era nelle competenze per assicurare loro le condizioni migliori per affrontare la sfida.”