Consar, uno splendido bis: stende anche Piacenza e vola ai quarti di finale di Coppa Italia foto

Più informazioni su

La Consar concede uno splendido bis. Dopo l’impresa di Cisterna, Mengozzi e compagni si ripetono abbattendo, nell’ultima partita del girone degli ottavi di Coppa Italia, la Gas Sales Piacenza, già eliminata e pronta ad affidarsi a coach Bernardi, nella prima delle due sfide ravvicinate in 4 giorni tra le due squadre, conquistando il primato nel girone e il pass per i quarti. E’ una Consar vincente e davvero convincente, dal gioco fluido, dalla varietà di soluzioni, in cui Bonitta schiera sempre lo stesso starting six trovando punti da tutti. E se Redwitz, sontuoso a Cisterna, fa girare al meglio tutta la squadra, è Recine a sfruttare il lavoro collettivo mettendo il timbro al match con 11 punti, con un ace, e un 71% in attacco: cifre che gli valgono l’Mvp.

La cronaca del match

C’è partita solo nel primo set, che comincia in assoluto equilibrio e che poi vede la Consar dare il primo strappo, con Pinali e un errore ospite per il 5-3 e poi con l’ace di Redwitz per il +3 (8-5). Sono un attacco di Grozer e un muro di Hierrezuelo a permettere a Piacenza di coronare il suo tentativo di risalita agguantando la parità a quota 17. Poi due errori in attacco degli ospiti riportano la Consar davanti e inducono Botti a chiamare il time-out. La mossa sortisce effetto: si torna in campo ed è nuova parità a quota 20. Ma la Consar è più feroce: il nuovo allungo, firmato da Redwitz e Grozdanov, vale il +2, che Ravenna porta fino al termine.

Con convinzione ed entusiasmo la Consar inizia bene il secondo set, portandosi subito avanti 5-2. Piacenza reagisce e trova la parità a quota 5. Ma qui di fatto si ferma. Mengozzi e Grozdanov (gran muro) piazzano l’accelerata (9-5) che stende gli emiliani. C’è in campo una sola squadra con un Piacenza incapace di arginare una Consar che fa punti ovunque e chiude il set con 59% in attacco e il 64% in ricezione ed esibisce un tandem d’attacco Recine-Loepkky con 5 punti a testa.
Anche il terzo set, in cui Botti cambia cinque elementi del sestetto, non ha storia: Consar subito in vantaggio (5-2, 8-4 e 11-5) e poi in tranquilla gestione del match, con Recine a rifinire la sua prestazione, Pinali a inseguire e raggiungere la doppia cifra e Koppers a ritagliarsi il suo momento di gloria e gioia buttando giù il pallone del match. Domenica sarà ancora Ravenna-Piacenza, ma per lo start della SuperLega. E una Consar così fa sognare un altro campionato sopra le righe.

“Fermiamoci a queste tre partite di Coppa Italia perché il campionato sarà veramente un’altra cosa e mi aspetto domenica da Piacenza una reazione da campioni quali sono, però oggi festeggiamo questa qualificazione – ha commentato  coach Bonitta -. Siamo molto contenti perché davvero insperata; ce la siamo meritata e ce la portiamo a casa. Queste sono partite che valgono oro; aldilà del risultato della qualificazione, valgono in termini di entusiasmo, di autostima e di sorriso durante gli allenamenti. Un bel momento: ce lo teniamo stretto”.

Il tabellino

Ravenna-Piacenza 3-0 
(25-23, 25-18, 25-18)

CONSAR: Redwitz 3, Pinali 10, Grozdanov 6, Mengozzi 7, Recine 11, Loeppky 8, Kovacic (lib.), Zonca, Batak, Koppers 1. Ne: Giuliani (lib.), Pirazzoli, Arasomwan, Rossi. All.: Bonitta.
GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Hierrezuelo 3, Grozer 5, Polo 2, Candellaro 3, Russell 6, Clevenot 6, Scanferla (lib.), Izzo, Tondo 1, Antonov 4, Botto 3, Shaw 4, Fanuli (lib.). All.: Botti.
ARBITRI: L. Saltalippi di Torgiano e .Brancati di Potenza.
NOTE: Durata set: 27’, 27’, 24’ tot. Ravenna (2 bv, 14 bs, 6 muri, 8 errori, 55% attacco, 56% ric., 42% perf.), Piacenza (0 bv, 17 bs, 6 muri, 12 errori, 41% attacco, 42% ric., 23% perf.). Spettatori 311 per un incasso di 3120 euro. Mvp: Recine.

Più informazioni su