Quantcast

Il Ravenna a Fano in cerca di punti salvezza. Colucci: “bisogna vincere le partite”

Più informazioni su

La settimana chiave della stagione del Ravenna inizia con lo scontro diretto a Fano. La classifica giallorossa continua ad essere deficitaria e le prossime gare saranno la cartina tornasole per capire l’evoluzione del campionato, conquistare punti negli scontri diretti con le avversarie impegnate al nostro pari nella lotta per la salvezza significherebbe rilanciarsi per scalare qualche posizione in classifica. Le distanze non sono abissali, ma giornata dopo giornata i punti a disposizione calano e la scalata diventa sempre più dura. Fondamentale un risultato anche per la giusta spinta morale. Gli uomini di Colucci dovranno scendere in campo con ancora più grinta e determinazione rispetto a quella dimostrata nelle ultime positive prestazioni, cui dovranno aggiungere quel tocco di cattiveria e precisione in più sotto porta per riuscire ad andare in rete.

Gli avversari arrivano in un buon momento, la cura Destro, subentrato a nel corso della stagione sta dando i suoi frutti ed i granata sono reduci da alcuni risultati importanti come la vittoria col Carpi o l’ultima a Mantova. La classifica li vede 5 lunghezze sopra il Ravenna con una gara da recuperare. Nel mercato di gennaio due importanti rinforzi di esperienza in mediana come Urso e Gentile oltre che alla riconferma del bomber Barbuti che ha ricevuto numerose offerte.

In casa giallorossa rientreranno a disposizione Codromaz e Franchini che hanno scontato la squalifica, migliorano Benedetti e Martignago che erano andati sì in panchina contro la Feralpisalò ma in condizioni precarie. Ancora lunga, purtroppo, la lista indisponibili che conta Perri, Vanacore, Papa e Mokulu alle prese con i rispettivi problemi, fuori causa anche Caidi che ha avuto una ricaduta sull’infortunio muscolare al flessore, quasi certa anche l’assenza di Boccaccini bloccato da un virus intestinale.

Giallorossi che non espugnano il Mancini di Fano dall’ottobre 2017, quando il bolide dalla distanza di Papa regalò la vittoria al Ravenna, da allora due pareggi e la sconfitta del playout di giugno. Tanti volti nuovi ma sfida con un sapore analogo cui il Ravenna deve rispondere assolutamente presente.

Le dichiarazioni di Colucci alla vigilia: “Bisogna vincere le partite, perché adesso la tenuta di squadra, la gestione del possesso ecc.. ci sono, adesso dobbiamo fare gol. E’ quello che ci manca e che ci darebbe più tranquillità. La squadra è vogliosa e ci sono tutti i presupposti per riuscire a sbloccarci. Non ci piangiamo addosso per le assenze, bisogna essere più forti delle avversità ed è la mentalità che sto cercando quotidianamente di trasmettere ai miei ragazzi.”

Direttore di gara: Daniele Virgilio (Trapani). Assistenti: Simone Biffi (Treviglio), Davide Conti (Seregno). Quarto ufficiale: Mattia Caldera (Como).

CONVOCATI: Portieri: 1 Alessandro Tonti ’92, 22 Matteo Raspa ’01, 34 Matteo Tomei’ 84 / Difensori: 2 Alberto Alari ’91, 4 Christian Shiba  ’01, 14 Enrico Zanoni ’99, 15 Roberto Codromaz ’95, 25 William Jiday ’84, 31 Corentin Fiore ’95 / Centrocampisti: 5 Marco Fiorani ’02, 8 Simone Franchini ’98, 10 Marco Meli ’00, 11 Marco Marozzi ’99, 18 Ludovico Rocchi ’97, 26 Gianluca Esposito ’95, 29 Alessio Benedetti ’90 / Attaccanti: 7 Daniele Ferretti ’86, 17 Simone Mancini ’01, 20 Riccardo Martignago ’91, 21 Marcello Sereni ’96, 36 Christian Cesaretti ’87

Più informazioni su