Quantcast

Il ravennate Bruno Rosetti conquista il bronzo agli Europei di canottaggio

L’anno olimpico per Bruno Rosetti comincia con un bronzo. Agli Europei Assoluti di canottaggio, svoltisi a Varese dal 9 all’11 aprile, il canottiere ravennate, atleta della Canottieri Aniene ma nato e cresciuto nella Canottieri Ravenna di cui è tuttora socio, ha conquistato una medaglia pesante in un’annata cruciale che lo accompagnerà ai Giochi Olimpici di Tokyo.

La medaglia è conquistata nel quattro senza, barca nella quale Rosetti ha già messo in bacheca l’argento ai Mondiali di Plovdiv del 2018, il quarto posto ai mondiali di Lintz del 2019 con la conseguente qualificazione olimpica, e l’argento agli Europei di Poznan dell’anno scorso. In un’annata cominciata decisamente male per via di un infortunio alla caviglia che lo ha tenuto lontano dalla barca per tre mesi, per il ravennate è un bronzo agguantato con grinta e determinazione che lascia ben sperare per il prosieguo della stagione.

La barca azzurra era composta dal capovoga Matteo Castaldo, Bruno al carrello numero due, Giovanni Abagnale al tre e Marco Di Costanzo come prodiere. Dopo avere conquistato il secondo posto in batteria dietro alla Romania, ed il secondo in semifinale dietro la Gran Bretagna, il quartetto si è presentata in finale con la certezza di potere ambire al podio, ma con la consapevolezza che la differenza di potenziale tra le nazioni finaliste era davvero minima e che sarebbe stata una gara molto combattuta E così è stato.

L’Italia si muove in partenza, ma l’Olanda parte ancora più veloce. Ai 500 metri la barca di Bruno passa in quinta posizione, ma con tutti i concorrenti in fazzoletto di due secondi. Gli Orange, campioni d’Europa in carica, sembrano potere andarsene via ma gli inglesi li recuperano e li passano poco prima dei mille, mentre alle loro calcagne si portano i rumeni e la barca azzurra. I sudditi di Sua Maestà nel terzo cinquecento prendono il largo, mettendo quasi una barca luce tra loro e gli inseguitori. La Romania si fa sotto all’Olanda appaiandola quando mancano cinquecento metri, con l’Italia a due secondi dal terzo posto. È lì che la barca azzurra apre il gas: con un fantastico serrate finale supera gli olandesi di slancio e cerca di recuperare sui rumeni. Negli ultimi 100 metri la barca olandese prova a ripartire ma l’armo azzurro rintuzza ogni attacco e taglia il traguardo in terza posizione. Vince la Gran Bretagna in 5:56.49, argento Romania in 5:58.34, bronzo per l’Italia in 5:59:42

“Non posso che essere felicissimo.” ha dichiarato Rosetti all’arrivo “È stata un’ottima regata, c’è ancora da recuperare rispetto agli avversari ma va bene così, dal 20 dicembre dell’anno scorso sono uscito nuovamente in barca con i miei compagni solo il 20 marzo, di più non potevamo fare. Adesso dobbiamo migliorare, e sono sicuro che sarà così.”

I prossimi appuntamenti per Bruno sono la prova di Coppa del Mondo Di Lucerna dal 21 al 23 Maggio e quella di Sabaudia dal 4 a 6 giugno. Dopodichè, la meta finale della stagione: dal 23 al 30 luglio, Tokyo, Giochi della XXXII Olimpiade.