Quantcast

Faenza. Qualifica Imola: AlphaTauri incanta con Gasly (quinto), Tsunoda sbatte e parte ultimo

La sessione di qualifica del Gran Premio dell’Emilia-Romagna e Made in Italy ha riservato sia belle che brutte sorprese al team con base a Faenza AlphaTauri – Honda. Pierre Gasly, già brillante nelle prove libere del venerdì, ha stupito in giornata realizzando il sesto tempo nelle FP3 e il quinto in Q3, ad oltre tre decimi dal poleman Lewis Hamilton (Mercedes), alla 99esima pole in carriera. Quanto al compagno di squadra del francese Gasly, Yuki Tsunoda, il nipponico ha commesso un errore alla Variante Alta in Q1 finendo con l’impattare contro le barriere di protezione. Il retrotreno della AT02 di Tsunoda ha riportato danni ingenti alle ruote, all’alettone e alle sospensioni posteriori, rendendo impossibile il proseguimento della qualifica per il promettente Yuki.

Gasly, sempre a suo agio con AlphaTauri sul tracciato del Santerno, ha commentato così la sua prestazione: “Devo dire che è andata molto bene oggi, sono davvero felice – l’intera qualifica è stata più ostica se comparata a quella del Bahrain (primo appuntamento stagionale ndr), perché penso che molte squadre abbiano davvero alzato il proprio ritmo. Sono contento di essere riuscito a capitalizzare tutto in Q3 – è stato un giro estremamente pulito – e ottenere la quinta posizione nella nostra gara di casa qui a Imola è un ottimo risultato per tutta la squadra. I divari tra squadre si sono estremamente ridotti – siamo solamente ad un paio di centesimi da Charles Leclerc (Ferrari) e a circa quattro decimi dai migliori – quindi è un grande risultato. Siamo in una buona posizione per domani. Dobbiamo prepararci per ogni situazione in gara – potremmo avere un po’ di pioggia domani, oppure potrebbero capitare incidenti nelle prime posizioni, quindi dobbiamo essere pronti a sfruttare ogni opportunità che ci si presenterà”.

Tsunoda, alla seconda qualifica in carriera, ha recitato il mea culpa per l’errore commesso alla Variante Alta: “L’incidente in qualifica è stato un mio errore e voglio scusarmi con la squadra: stavo spingendo troppo all’ingresso della chicane e dopo non sono più riuscito a controllare la macchina. È un peccato perché, fino a quella curva, la macchina è andata molto bene ed è stato un bel giro – penso che saremmo potuti arrivare in Q2 con una sola mescola. E’ possibile che piova all’inizio della gara di domani, quindi tutto può succedere e cercherò di spingere il più possibile per avanzare dalle retrovie. L’auto promette bene, quindi mi limiterò a resettare la mente stasera e domani tornerò in macchina per spingere forte”.

Stupisce l’errore commesso dal velocissimo Tsunoda in qualifica, considerando i tanti chilometri macinati nei test prestagione all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola con la AT02 e in generale con la squadra. Il giapponese dell’AlphaTauri ha incantato in Bahrain effettuando tanti sorpassi e una bella rimonta in gara, ragion per cui gli appassionati si aspettano un’altra grande cavalcata da parte del giovanissimo Yuki. Forse un po’ di inesperienza e la troppa emozione hanno giocato un brutto scherzo a Tsunoda, smanioso di riscattarsi in una pista che apprezza molto.