Quantcast

Giallorossi appesi ad un filo, per raggiungere i playout vincere non basta

Più informazioni su

Giallorossi che si avvicinano all’ultimo capitolo di questo campionato concentrati sulla partita del Benelli, ma con un occhio al Manuzzi. Ravenna che arriva all’ultima contro il Carpi nella poco invidiabile condizione di non potere dipendere più solo da se stesso per potere evitare la retrocessione diretta, anzi l’unica speranza per i giallorossi è vincere e sperare in una sconfitta dell’Arezzo a Cesena. Gli uomini di Colucci arrivano a questa gara determinati, ma portandosi dietro i soliti problemi a livello di infortuni che hanno inficiato la stagione giallorossa.

In settimana infatti si è dovuto fermare per uno stiramento Martignago, apparso tra i migliori ad Arezzo e nella rifinitura le solite noie al polpaccio hanno tolto dai convocati anche a Franchini. Gli avversari dei giallorossi arrivano avendo già raggiunto l’obiettivo stagionale, la permanenza in categoria che permetterà loro di giocare a mente libera, probabile che ci sia spazio per chi non ha potuto mettersi in luce durante la stagione.

Alla guida degli emiliani non ci sarà Pochesci, che in settimana è stato squalificato per un mese dal giudice sportivo per delle dichiarazioni sulla terna arbitrale della gara contro la Triestina. A prescindere dagli uomini a disposizione di Colucci il Ravenna dovrà scendere in campo con la ferocia necessaria a conquistare la vittoria ed onorare l’ultimo impegno, solo con i tre punti infatti avrebbe senso pensare al risultato di Cesena-Arezzo. Le speranze dei giallorossi sono appese ad un filo, ma il calcio è uno sport imprevedibile e nulla va lasciato intentato.

Le dichiarazioni di Colucci: “Per esperienza la partita va preparata bene, ti devi allenare bene e devi giocare bene. Le partite si conquistano e si vincono attraverso il sudore e la voglia. Non credo a squadre dimesse, noi dobbiamo pensare a casa nostra e fare la partita per vincerla. Abbiamo solo un risultato per potere eventualmente sperare.”

Direttore di gara: Andrea Colombo (Como)

Assistenti: Cosimo Cataldo (Bergamo), Marco Ceccon (Lovere)

Quarto ufficiale: Alessandro Di Graci (Como)

CONVOCATI

Portieri: 32 Marco Albertoni ’95, 22 Matteo Raspa ’01, 34 Matteo Tomei’ 84

Difensori: 2 Alberto Alari ’99, 15 Roberto Codromaz ’95, 23 Nebil Caidi ’88, 25 William Jiday ’84, 30 Matteo Perri ’98, 31 Corentin Fiore ’95, 33 Matteo Boccaccini ’93, 6 Cristian Shiba ’01

Centrocampisti: 5 Marco Fiorani ’02, 10 Marco Meli ’00, 11 Marco Marozzi ’99, 18 Ludovico Rocchi ’97, 26 Gianluca Esposito ’95, 27 Salvatore Papa ’90, 29 Alessio Benedetti ’90, 17 Simone Mancini ’01

Attaccanti: 7 Daniele Ferretti ’86, 21 Marcello Sereni ’96.

Più informazioni su