Quantcast

Centro Sub Nuoto Faenza: solo allenamenti in attesa delle direttive FIN per la stagione sportiva

Più informazioni su

Mentre i fotosub sono impegnati da sabato scorso per tutta la settimana nei Campionati Italiani di Fotografia Subacquea digitale all’Isola d’Elba, l’intero mondo del Centro Sub Nuoto Club 2000 attende, come le altre società degli sport acquatici, dalla Federazione Italiana Nuoto le direttive per lo svolgimento delle competizioni nella stagione che è indicata come quella “della ripartenza” dopo il flagello del Covid-19: tra le numerose cose in ballo c’è la disciplina dell’accesso di pubblico alle competizioni.
Di conseguenza non c’è in circolazione un solo calendario di gare; tuttavia nelle piscine comunali di Piazzale Pancrazi gestite dalla Nuova Co.G.I.Sport. gli atleti della società di Faenza si stanno allenando intensamente da settimane, prima “a secco”, ossia tra parco e palestre, e da una decina di giorni anche in acqua.

L’attesa per capire la dimensione della stagione sportiva 2021-2022, che ha ufficialmente preso il via lo scorso 1 settembre, dovrebbe concludersi entro la prima settimana di ottobre.
Per quanto riguarda lo sport agonistico si avvicina per i nuotatori l’appuntamento con il meeting nazionale “Trofeo Città di Riccione” verso la fine del mese prossimo riservato agli “Assoluti”; le certezze però devono ancora materializzarsi.
Sono una quarantina i nuotatori che fanno parte del gruppo Master, vale a dire che c’è praticamente il “pieno”. “Stiamo sfruttando al massimo gli spazi assegnatici in corsia per gli allenamenti – dice Stefano Schiumarini, responsabile del Gruppo faentino -: ci fa piacere che siano tornati alcuni atleti validi, dopo la pausa sanitaria, e che ci sia la corsa a fare parte dei Master: è merito dei nostri successi”.

Il settore pallanuoto del Centro Sub Nuoto Faenza vedrà al via la Prima Squadra nel campionato di Promozione e due formazioni di settore giovanile nei rispettivi campionati regionali: la Under 16 e la Under 14, con la prima rimpolpatasi col passaggio di età di diversi giocatori e con la seconda che dovrà fare i conti con un organico sufficiente ma non abbondante. “Ci sono tanti bambini che parteciperanno all’Acquagol – spiega Massimiliano Moretti, coordinatore degli allenatori -: è il nostro ‘serbatoio’ dove si impara a fare squadra sotto la guida di Giulia Bonoli. Dell’Under 14 si occupa Piero Calderoni, io della Promozione ed insieme dell’Under 16, sempre col valido supporto di Michele Solaroli. Ripartiremo con le tre squadre dagli ottimi risultati ottenuti nel finale della scorsa stagione”. “Speriamo di tornare a gareggiare – confida Susanna Minelli, coach delle ragazze del nuoto artistico -: ormai è più di un anno che svolgiamo solo allenamenti. Il gruppo è formato da una trentina di atlete, di cui una decina di ‘grandi’ mentre il resto sono ragazzine molto giovani, tutte brave e desiderose di fare bene”.

Più informazioni su