Quantcast

CT Massa Lombarda. Al via la A1: all’Oremplast Arena arriva il TC Crema

Più informazioni su

Tanta umiltà, massimo rispetto per avversari quotati ma nessun timore reverenziale, per tentare di garantirsi ancora una volta un posto nell’elite del tennis italiano. Ecco gli ingredienti base con cui il Circolo Tennis Massa Lombarda affronta la sua sesta avventura consecutiva in serie A1 maschile, che prende il via domenica 10 ottobre tornando al format tradizionale dopo la versione ridotta e anticipata all’estate 2020 a causa dell’emergenza coronavirus.

E’ proprio l’Oremplast Tennis Arena, struttura con copertura fissa in legno lamellare e campi in sintetico, ad ospitare il match d’esordio nel girone 1 (alle ore 10 l’inizio degli incontri, 4 singoli e 2 doppi: ammesso nell’impianto solo chi è in possesso di green pass, fino a un terzo della capienza consentita, così come previsto dai protocolli anti-Covid) con una ‘vecchia conoscenza’ come il Tennis Club Crema, già avversaria del team romagnolo nel 2016 e due anni più tardi. Il circolo lombardo, capace lo scorso anno di ritagliarsi un posto tra le migliori quattro squadre d’Italia, ha sostanzialmente confermato l’intero organico, con Paolo Lorenzi numero uno e accanto gli stranieri Adrian Ungur e Andrey Golubev, quest’anno arrivato in finale al Roland Garros in doppio, e i due elementi del vivaio Samuel Vincent Ruggeri e Lorenzo Bresciani, ai quali si aggiunge Gabriele Datei, mancino bergamasco classe 2003, ‘promosso’ in prima squadra dopo la gavetta degli anni scorsi nel team di Serie B.

Sono 16 le formazioni partecipanti al massimo campionato, suddivise in quattro raggruppamenti: la formula della competizione prevede che la prima classificata di ciascun gruppo acceda ai play-off scudetto (semifinali andata e ritorno il 28 novembre e 5 dicembre, poi finale l’11 e 12 dicembre in sede da definire), la seconda si assicuri la permanenza in categoria, mentre terze e quarte saranno chiamate ai play-out per la salvezza (anche in questo caso 28 novembre e 5 dicembre). Oltre al club lombardo, le avversarie del Ct Massa Lombarda sono il Park Tennis Club Genova campione d’Italia in carica (con in rosa il talento Lorenzo Musetti e gli azzurri di Coppa Davis Gianluca Mager e Simone Bolelli, giusto per citare solo tre nomi) e il Tennis Club Pistoia, che ha aggiunto due stranieri quali il ceco Lukas Rosol e il tedesco Maximilian Marterer alla rosa che nel 2020 ha conquistato la promozione: Matteo Viola, Andrea Vavassori, l’altro tedesco Mats Moraing, Matteo Trevisan, oltre ai ‘vivaio’ Lorenzo Vatteroni, Leonardo Rossi, Tommaso Brunetti e Jacopo Landini.

Insomma, l’ennesima sfida ad alto coefficiente di difficoltà per il team targato Oremplast – la famiglia Pagani è da tempo partner del club di via Fornace di Sopra in un progetto sportivo legato al territorio che ha pochi eguali nel panorama nazionale – che dopo essersi garantito nei primi due anni la permanenza in categoria direttamente senza dover passare dagli spareggi, ha invece fatto ricorso ai play-out nelle ultime tre edizioni.

Sarà ancora più all’insegna della linea verde rispetto al passato, quando già i giovani trovavano ampio spazio, la squadra romagnola . Al gruppo tutto tricolore capace l’estate scorsa di conquistare una salvezza da applausi si sono aggiunti infatti Giulio Zeppieri, 19enne di Latina, fresco di primo titolo challenger a Barletta e attualmente numero 244 ATP (suo best ranking), l’italo-argentino Alex Barrena, e gli under Pietro Pampanin e Jacopo Borsoi, oltre all’esperto sloveno Blaz Kavcic (n.238 ATP) per colmare le partenze di Julian Ocleppo e Luciano Darderi, che hanno preferito accasarsi altrove.

La rosa da cui di volta in volta, anche sulla base degli impegni individuali nel circuito, il capitano Michele Montalbini sarà chiamato a scegliere comprende ancora Francesco Forti, 22enne di Cesenatico che fa base al Centro Federale di Tirrenia e si sta mettendo in evidenza nel circuito challenger (n.326 ATP) e sui ‘vivaio’ Samuele Ramazzotti (2.2, classe 1999), Lorenzo Rottoli (2.2, classe 2002), Alessio De Bernardis (2.4, nato nel 2000) e gli under 18 Jacopo Bilardo e Marco Cinotti (entrambi 2.6), oltre che su Riccardo Perin (classe 2000, 2.4). Completano l’elenco degli atleti inseriti in rosa (16 in totale) il 2.6 Ronny Capra, Pier Paolo Campoli (2.8), Giacomo Caroli (3.1) e Nicola Gualanduzzi, che fungerà anche da vice capitano.

“Il nostro obbiettivo rimane lo stesso delle passate edizioni, ovvero mantenere la categoria – spiega il presidente Fulvio Campomori – che equivale a vincere uno scudetto per una piccola realtà di provincia come la nostra, chiamata a misurarsi con delle corazzate in un campionato di vertice come questo. Il girone è di quelli che si definiscono di ferro visto che siamo in compagnia dei campioni in carica, che avremo come avversari per il terzo anno consecutivo, di una semifinalista 2020 e di una formazione che dispone di giocatori italiani e stranieri di buona classifica internazionale. Abbiamo un gruppo di ragazzi davvero giovane, probabilmente come età media la più bassa dell’intero lotto, con margini di miglioramento. Siamo pienamente consapevoli che sarà durissima raggiungere la salvezza, ma confidiamo ancora una volta sull’affiatamento fra di loro e sullo spirito di appartenenza della squadra, per provare a mettere a segno un’altra impresa”.

Più informazioni su