Quantcast

Olimpia Teodora Ravenna stecca la prima a Macerata e torna a casa incassando un secco 3-0

Più informazioni su

Arriva una sconfitta nell’esordio in campionato per l’Olimpia Teodora Ravenna, che cede a Macerata per 3-0 al termine di una partita molto combattuta nei primi due parziali, che le padrone di casa conquistano ai vantaggi. Le ravennati pagano poi l’impatto emotivo dei due parziali persi al fotofinish nel terzo set e non riescono a trovare le forze di ribaltare la contesa.

Al fischio d’inizio Coach Simone Bendandi sceglie il sestetto con Pomili, Fricano, Colzi, Torcolacci, Spinello, Bulovic e Rocchi libero. Macerata parte forte e si porta avanti 6-3, ma l’Olimpia Teodora ribalta la situazione con il turno di servizio di Spinello, con gli attacchi di Pomili e Bulovic che valgono l’8-11 ospite. Le padrone di casa impattano un set combattutissimo a quota 14, ma Ravenna allunga nuovamente, prima sul 16-19, poi sul 18-22. Macerata reagisce e pareggia nuovamente sul 22-22, poi annulla anche un set point sul 23-24 e conquista il parziale con due punti di Michieletto per il 26-24.

In apertura di secondo set le ragazze ravennati patiscono il colpo e finiscono sotto 7-4. L’Olimpia Teodora pareggia a quota 8,  ma subisce un altro parziale sul servizio di Fiesoli e torna a inseguire sul 12-9, con Coach Bendandi costretto al timeout. Le ospiti rimangono agganciate al set, ma non riescono a ricucire e Macerata si guadagna quattro palle per chiudere il parziale sul 24-20. Le Leonesse reagiscono pareggiando sul 24-24 e annullano in totale sei set point, ma alla fine sono le padroni di casa a spuntarla ancora al fotofinish per 28-26.

Le due frazioni perse in volata restano nella testa di Ravenna, che nel terzo set si ritrova in un attimo sotto 11-3. L’inerzia è tutta per le padrone di casa che allungano ancora fino al 15-6, poi amministrano e chiudono la gara con il muro di Martinelli per il definitivo 25-16.

“Come mi aspettavo non è stata una partita bella  – commenta a caldo Coach Simone Bendandi –. E come pensavo abbiamo un pagato l’inesperienza e la pressione dell’esordio, soprattutto nei momenti decisivi della partita. Nelle situazioni con più tensione non abbiamo mantenuto la lucidità giusta nello scegliere i colpi e alla fine abbiamo pagato caro questi passaggi a vuoto.

Bisogna avere pazienza perché c’è molto da lavorare e dobbiamo fare meglio, soprattutto in quelle fasi di gioco come il muro e la difesa che sono quelle caratteristiche che anche in allenamento ci esaltano di più. Pian piano riusciremo a esaltare le nostre qualità con più continuità, a partire ovviamente da settimana prossima perché naturalmente serve anche fare dei risultati”.

Macerata – Olimpia Teodora Ravenna 3-0 (26-24, 28-26, 25-16)

Macerata: Martinelli 5, Michieletto 17, Ricci, Pizzolato 7, Fiesoli 10, Malik 17, Bresciani (L); Cosi, Ghezzi, Stroppa, Peretti. N.e.: Gasparroni. All.: Luca Paniconi. Ass.: Michele Carancini.

Muri 11, ace 3, battute sbagliate 6, errori ricez. 2, ricez. pos 51%, ricez. perf 25%, errori attacco 13, attacco 31%.

Ravenna: Pomili 11, Fricano 9, Colzi 4, Torcolacci 6, Spinello 1, Bulovic 8, Rocchi (L); Salvatori 1, Guasti 6, Foresi. N.e.: Fontemaggi, Monaco (L), Sestini. All.: Simone Bendandi. Ass.: Federico Chiavegatti.

Muri 2, ace 3, battute sbagliate 12, errori ricez. 3, ricez. pos 51%, ricez. perf 30%, errori attacco 6, attacco 29%.

Arbitri: Luca Pescatore e Dario Grossi.

Prossimo turno: Olimpia Teodora Ravenna – Omag MT S.G. in Marignano, domenica 17 ottobre, ore 17, PalaCosta, Ravenna

Più informazioni su