Marco Prati della Canottieri Ravenna si laurea campione del mondo Junior

Più informazioni su

Il ravennate Marco Prati vince la finale del singolo ai Mondiali Under 19 di Varese e si laurea campione del mondo Junior. Una prestazione memorabile con più di dieci secondi rifilati agli inseguitori. Ed il quattro di coppia dell’altra atleta della Canottieri Ravenna in maglia azzurra, Agnese Dassani, chiude al settimo posto una splendida rassegna iridata.

Il verbo “vincere” rende solo in parte il dominio di Marco. Un percorso netto: primo in batteria, primo nel quarto di finale e primo in semifinale, sempre con l’impressione di controllare lo sforzo mentre gli altri lottavano alla morte per superare il turno. E nella finalissima, semplicemente non c’è storia. Il punto di forza dell’atleta ravennate non è la partenza, eppure dopo 500 metri c’è lui al comando con un secondo e mezzo sulla Germania e due sulla Cina, con Slovacchia, Belgio e Gran Bretagna ad inseguire. Marco continua a spingere e vuoto: a metà gara sono 4 i secondi di vantaggio sul singolista tedesco, mentre lo slovacco ha superato il cinese. Ti aspetti la reazione degli avversari, e invece è Prati che fa partire il suo show: palata dopo palata la barca dell’azzurro scivola via imperiosa. Ai 1500 è ormai chiara la vittoria dello sculler romagnolo che continua ancora a spingere e piomba sul traguardo vincendo uno strepitoso titolo mondiale con un distacco abissale sulla Germania, seconda, e sulla Slovacchia terza. Il tempo finale è 6:50.41, dieci secondi e mezzo sull’argento e dodici sul bronzo. Nel canottaggio, molto condizionato dal vento, è difficile parlare di record del mondo. Eppure 6:50 è un tempo che raramente si è visto in singolo, e non solo a livello Under 19. Prati diventa il quarto atleta della Canottieri Ravenna a vincere un titolo iridato Junior. Prima di lui Marcello Miani, Bruno Rosetti e Luca Rambaldi. Tutti e tre nel quattro di coppia, mentre Marco è il primo a conquistarlo nel singolo.

Marco Prati_Campione

Le luci della ribalta sono tutte per Marco Prati ma da non scordare la grande prestazione di Agnese Dassani e dell suo quattro di coppia Under 19, completato da da Melissa Schincariol del Cernobbio, Federica Chisena della Lega Navale Italiana Barletta e Giorgia Gregorutti del Saturnia. Il quartetto non riesce ad approdare alla finalissima per una manciata di secondi, ma si riscatta andando a vincere con autorità la Finale B, classificandosi quindi al settimo posto complessivo. Un settimo posto che è un risultato più che eccellente anche in prospettiva, visto che Agnese è solo al primo anno di categoria Junior. Per capirci: l’anno scorso, da primo anno Junior, Marco Prati fu sesto ai Mondiali Junior. E quest’anno è sulla cima del mondo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.