Domenica 22 Gennaio 2017

Apertura al pubblico della Riserva Naturale del Bevano? Le preoccupazioni di Perini (AmaRavenna)

Lunedì 19 Dicembre 2016

"Dalla stampa siamo venuti a conoscenza di ventilati programmi di apertura al pubblico della Riserva Naturale del Bevano, nonché della retrostante pineta demaniale facente parte della Riserva Naturale Pineta di Ravenna; entrambe sono Riserve Naturali dello Stato inserite nel Parco Regionale del Delta del Po dell’Emilia Romagna ed inoltre sottoposte alla normativa di Siti di Importanza Comunitaria della Rete CEE Natura 2000": lo dichiara Daniele Perini – capogruppo Ama Ravenna, esternando alcune perplessità.


"Questo ambiente litoraneo - afferma Perini - presenta alcune componenti biotiche di grande importanza scientifica per la ridotta distribuzione e la loro permanenza è fortemente influenzata dall’utilizzo antropico.  L’area presso la foce del Bevano è costituita da un mosaico di diversi habitat, tutti di particolare pregio naturalistico. È un'oasi incontaminata dove, con un po' di fortuna, si possono incontrare esemplari di aironi e garzette ed è nota la presenza e nidificazione del Fratino, della Beccaccia di mare, dell’Occhione, del Voltapietre".

"Ci preme ricordare - prosegue il consigliere di AmaRavenna - che parchi e riserve naturali sono un patrimonio dell'umanità e, in quanto tali, è giusto siano regolamentati e tutelati da leggi che devono essere rispettate.

Ci sono "riserve naturali" aperte al pubblico e ci sono "riserve naturali integrali" dove l'accesso è precluso al pubblico. Il litorale tra Lido di Dante e Lido di Classe, poco a sud di Ravenna, è stato istituito Riserva Naturale dello Stato dal 1979 (“Duna costiera ravennate e foce del torrente Bevano”) proprio per conservarne le caratteristiche naturali. Considerato il grado di antropizzazione dei litorali nazionali e soprattutto di quello romagnolo, l’istituzione di questo tratto di litorale (la spiaggia di foce Bevano rappresenta meno del 5% del litorale regionale) come area protetta è stata senza dubbio lungimirante.
Va assolutamente evitata pertanto una  fruizione incontrollata di questo bene pubblico, una situazione di frequentazione diffusa e senza controllo".

"Siamo favorevoli invece a una fruibilità “controllata” - fa sapere Perini -, rispettosa sia dell'ambiente sia dell'interesse da parte di naturalisti, scolaresche, appassionati della natura.  Ciascun cittadino può accedervi con il rispetto dovuto, godendone la bellezza e preservandone, con il proprio comportamento corretto, le caratteristiche. Da ricordare, inoltre, il ruolo prezioso dei volontari nella tutela delle zone protette, uniche quanto fragili.

Sono sicuro che queste considerazioni e preoccupazioni verranno fatte proprie dall'assessore all'Ambiente Gianandrea Baroncini e dai vertici del Parco del Delta del Po che, già in questi primi mesi della nuova legislatura, hanno dimostrato grande sensibilità per le tematiche in questione instaurando un fattivo rapporto di collaborazione".

                                                                   

6Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Bravo Perini, per una volta qualcuno che alza la mano per dire di no e pensa al bene comune piuttosto che al mero interesse di qualcuno, di pochi.

    19/12/2016 - fabrizio

  • Bravo sig. Perini, piu che giusto, ma se i preposti ai controlli, poi, non multano i trasgressori, quelli cioè che non rispettano i divieti di accesso a queste zone, tutte queste belle parole non servono!!! In estate, troppe volte, la Forestale INVITA a non oltrepassare le recinzioni, come mai non multa le decine e decine di persone che giornalmente vanno in queste zone???

    19/12/2016 - armando

  • Vero ...tutelare l"ambiente è un dovere di tutti.....peró è vero che....se il pubblico non può visitare quelle zone bellissime non avrá mai la possibilità di vedere quel magico angolo....è un peccato. ..un'angoli di paradiso...

    20/12/2016 - Anna ciani

  • Dove andranno a fare esercitazioni gli incursori con i loro elicotteri?

    20/12/2016 - S.F

  • Una passeggiata o una pedalata con amici in un percorso autorizzato non credo possa creare danni,mi piacerebbe che i miei figli possano anche vedere e non solo sapere. Grazie

    20/12/2016 - gianca

  • @ armando ha pienamente ragione!! Gianca, anche lei ha ragione, ma purtroppo, per colpa di troppi che non si accontentano di un percorso autorizzato, ma si sentono i padroni di quel posto calpestando ogni cosa (dune e pineta nascente) siamo costretti purtroppo, a non andare.- ecco il perche' delle sonore multe che dovrebbero essere fatte!! troppo buonismo.....

    20/12/2016 - bilancia



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it