Quantcast

Cmc compie 120 anni. Il Presidente Alfredo Fioretti: “abbiamo attraversato una crisi senza precedenti ma siamo ancora qui”

Più informazioni su

Domenica 7 marzo CMC Ravenna festeggia le 120 candeline. Ma sarà una torta molto sobria quella che verrà tagliata in occasione di questo anniversario, perché di fronte c’è ancora “la crisi del settore delle costruzioni che ha condotto l’azienda ad affrontare circa due anni fa una dolorosa ristrutturazione e dalla quale ne sta uscendo fuori con grande determinazione. La gestione del piano concordatario, approvato dai creditori a larghissima maggioranza ed omologato dal Tribunale di Ravenna lo scorso 29 maggio, è stato affidato ad un nuovo Amministratore Delegato, Davide Mereghetti, nominato all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione il quale gli ha affidato le deleghe per ottemperare agli obblighi del piano ed al rilancio della CMC. L’azienda ha così avviato l’attività di efficientamento con nuovi standard di organizzazione aziendale, di controllo di gestione e di programmazione finanziaria. Nuove procedure aziendali, condivisione degli obiettivi, un sempre più attento controllo dei costi hanno già evidenziato sui conti della società un’inversione di tendenza.”

“La Cooperativa ha attraversato negli ultimi due anni una crisi senza precedenti ma, a dispetto di tutte le previsioni, è ancora qui. – dichiara il Presidente Alfredo Fioretti – Ci aspettano sicuramente momenti ancora molto impegnativi, ma li affronteremo con quella determinazione che ci caratterizza da 120 anni, guardando al futuro con fiducia, per salvaguardare e rilanciare CMC, un’impresa patrimonio del nostro Paese”. Insomma, le difficoltà non sono finite, ma dalla CMC e dal quartier generale di via Trieste arriva un messaggio di fiducia.

Era il 7 marzo 1901 quando 35 muratori decisero di unire le loro sorti in cerca di un avvenire migliore e fondarono la “Società anonima cooperativa fra gli operai, muratori e manuali del Comune di Ravenna”. Da quel lontano giorno di 120 anni fa le donne e gli uomini di CMC “sono stati legati ad un lungo filo che, dall’alba del XX secolo, li ha accompagnati attraverso due guerre mondiali, la crisi del 1929, il fascismo, passando dalla ricostruzione, dal ’68, dagli anni di piombo, la crisi petrolifera degli anni ‘70 per arrivare alla caduta del muro di Berlino, alla crisi degli anni ‘90 e agli ultimi, difficilissimi mesi dell’emergenza Covid. CMC, con la forza del suo lavoro e dei suoi soci, c’è sempre stata.” Fra alti e bassi. E questo è un momento sicuramente difficile, come abbiamo detto.

CMC è stata protagonista dello sviluppo infrastrutturale italiano, dalla ricostruzione dopo il terremoto di Messina del 1908, attraverso le autostrade lungo tutta la penisola, l’edilizia industriale e residenziale, le dighe, i porti fino alle metropolitane ed alla linea ferroviaria alta velocità. Nel frattempo, pur mantenendo sempre le sue basi a Ravenna, è diventata azienda globale; dal 1975 con un appalto in Iran, poi negli anni ’80 in moltissimi Paesi dell’Africa con la costruzione di silos, strade e dighe; ma è dalla fine degli anni ’80 che CMC si specializza nel campo dei lavori in sotterraneo e delle opere idrauliche, estendendo la sua attività alle aree dell’Estremo Oriente.

Oggi CMC è ancora in campo in 4 continenti: nelle Filippine sta realizzando un impianto di distribuzione dell’acqua che eliminerà le grandi perdite presenti negli acquedotti preesistenti garantendo l’approvvigionamento idrico alla città di Manila di circa 13 milioni di persone; contestualmente sta partecipando ad un grande progetto di rimboschimento dell’area, perché il mondo dell’edilizia e delle infrastrutture sta velocemente cambiando per diventare sempre più green. In Africa, e in particolare in Mozambico dove è presente da più di quarant’anni, oggi sta realizzando un nuovo villaggio con abitazioni, strade ed edifici pubblici (posto di polizia, scuole, clinica, moschee, chiesa cattolica, edifici amministrativi, anfiteatro) a nord del Mozambico.

CMC è presente anche in Sud America con il grande cantiere di Rio Subterraneo in Argentina dove sta realizzando una connessione idraulica che permetterà l’approvvigionamento di acqua potabile di due aree densamente abitate di Buenos Aires, soddisfacendo le necessità vitali di più di 3.000.000 di persone che, ad oggi, non hanno a disposizione tale bene primario. Una delle più grandi opere realizzate in Argentina negli ultimi 40 anni, ed a testimonianza dell’importanza che riveste, il cantiere ha ricevuto la recente visita del Presidente dell’Argentina Alberto Fernandez, che si è congratulato con i tecnici CMC per quanto fatto, restando molto impressionato anche dalla lunga storia della Cooperativa.

Nel nostro Paese oggi CMC è impegnata in diverse attività, da Trento, dove sta realizzando un depuratore, alle grandi strade siciliane, passando, tra gli altri, per Milano e Roma dove sta costruendo nuovi spazi universitari. A breve inoltre partiranno i nuovi lavori, recentemente acquisiti, legati all’emergenza sanitaria con interventi di riorganizzazione della rete ospedaliera a Parma e a Melegnano.

Un'opera realizzata da CMC
Cmc Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gb

    “Ma siano ancora qui” va bene perché la scomparsa di una azienda è sempre un danno all’ economia, ma avere una considerazione per quelle aziende che sono state costrette a chiudere conseguentemente al concordato cmc sarebbe stato un dovere citarle nel monologo perché loro non possono tagliare nessuna torta anche piccola.