Quantcast

Potere al popolo Ravenna davanti alla sede di Confindustria per dire no allo sblocco dei licenziamenti

Più informazioni su

Il 30 giugno Potere al popolo di Ravenna ha manifestato di fronte alla sede di Confindustria contro lo sblocco dei licenziamenti.

“In questi ultimi due anni abbiamo visto cose che mai avremmo immaginato di dover vedere: colonne di camion militari che portano via le bare di malati curati con “tachipirina e vigile attesa”, scuole chiuse al minimo apparire del virus e fabbriche aperte nonostante la alta percentuale di contagiati; piscine e palestre chiuse e lavoratori stipati come sardine sui mezzi di trasporto che li portano al lavoro, piccoli negozi sull’orlo del fallimento e grosse imprese che lucrano sui soldi della cassa integrazione” dichiarano da Pap Ravenna.

“Appare evidente come questo governo sia l’espressione diretta dei poteri economici più forti, guidato da uno dei più importanti esponenti del mondo della finanza speculativa, un mondo per il quale conta di più il profitto delle industrie della vita degli abitanti, un mondo nel quale è l’industria farmaceutica che detta l’agenda della lotta alla pandemia, un mondo che si appresta, ora che cadono i vincoli sui licenziamenti, ad effettuare l’ennesima ristrutturazione del capitale, un mondo in guerra perenne contro i poveri e contro chi vive del suo lavoro” proseguono.

“In questa guerra Potere al popolo ha scelto da che parte stare: contro coloro trincerati all’interno dell’edificio di fronte al quale abbiamo manifestato. Un solo elemento guardiamo con soddisfazione, è finalmente finita la commedia del falso antagonismo tra centro-destra e centro-sinistra. Entrambi sostengono il governo guidato dalle banche” concludono da Potere al Popolo Ravenna.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da b

    licenziare chi paga le tasse, coloro che dovranno pagare i debiti fatti per dare aiuti a industriali che le tasse le pagano all estero,quando le pagano. mi sembra una manovra alla tafazi