Piscina comunale. Alvaro Ancisi (LpRa) vede aria di mala gestione nella vicenda e chiede inchieste

Piscina comunale. Alvaro Ancisi (LpRa) vede aria di mala gestione nella vicenda e chiede inchieste
La piscina comunale di Ravenna

Alvaro Ancisi capogruppo di Lista per Ravenna promette battaglia - e anche di più - sul progetto di rifacimento della piscina comunale approvato dalla Giunta comunale. "Una città da 160 mila abitanti si troverà di qui a poco privata della sua unica piscina, la quale, benché appena trentenne, sarà rottamata. Con un grandioso progetto pagato da privati se ne rifarà sopra una nuova, scontando fin d'ora aumenti massicci, per molti fruitori insostenibili, delle già poco popolari tariffe. Nel frattempo, le cinquemila famiglie utenti dell'’impianto non sapranno dove mandare i figli" scrive Ancisi nella sua nota. 

Per Ancisi non si tratta affatto di un affare "dovuto ad un costruttore privato beneficente" poichè "se la spesa a suo carico è di 13 milioni e 464 mila euro, il Comune gliela rimborserà tutta nell’'arco dei 25 anni del contratto, con rate indicizzate all'’aumento del costo della vita, quasi come un mutuo. Un buon padre di famiglia, quale dovrebbe essere un sindaco per la sua città, non indebita però per un quarto di secolo la sua progenie. In realtà, siccome la progettazione e le spese di affidamento sono a carico del Comune, ed essendo prevedibile, data la crisi del mercato edilizio, un consistente ribasso d'’asta (se potrà esserci una gara vera), l’'affare sarà anche più svantaggioso. Una grave scorrettezza che combatterò è anche la fideiussione da 6 milioni a carico del Comune come garanzia del finanziamento che il costruttore dovrà contrarre con una banca. Se non paga lui, paghiamo tutti".

Ma Ancisi si chiede anche perché il problema piscina sia arrivato a questo punto. "Le opere pubbliche indispensabili non dovrebbero essere programmate con un minimo di lungimiranza politica? - si chiede - Il suddetto governo (Pd, ndr)  era al comando della città già da oltre tre lustri quando pensò di comprare a caro prezzo la piscina privata di Fornace Zarattini, ormai in crisi gestionale, tanto chiaramente malandata da crollare subito su se stessa ed essere abbattuta nel 1986. Siccome l’'altra piscina di via Falconieri appariva già da tempo insufficiente, la Giunta Matteucci impegnò 5 milioni e 500 mila euro del bilancio comunale 2004 per costruirne una seconda. Non se n’è è saputo più niente. Ma un piano urbanistico del 2010 rimise in campo quest’'opera localizzandola in viale Mattei. Sarebbe stata a carico di privati per 3 milioni e 790 mila euro, nell’'ambito della concessione, come merce di scambio, di una maxi lottizzazione edilizia da 216.000 metri quadrati su terreni agricoli posti tra via dell’'Agricoltura e la Romea nord. Il piano, scaduto nel 2015, è stato rinnovato senza che nulla si sia visto, neppure il progetto."

Per Ancisi la storia della piscina di via Falconieri "fu tormentata, fino a quando, assumendo la sua attuale conformazione, il Comune volle farla gestire da privati. La società Sportiva di Ferrara, mandataria della poi fallita CMR di Argenta (quella di MarinaRa, Porto Reno, Grand ’Hotel Mattei, ecc.), l’'ha avuta in gestione, per la seconda volta, nel 2004 per la durata di 15 anni. Unica concorrente nella “gara” d’'appalto, ha potuto offrire un ribasso d'’asta dello 0,0003% (!), in ragione del quale ha incassato in totale dal Comune 6 milioni e 79.647 mila (+ IVA) del valore di allora, con rate via via indicizzate, lasciando al Comune solo il 3% degli incassi (senza IVA) sui circa 8 milioni, ai valori attuali, introitati nei 15 anni. Entro dicembre 2004, il Comune effettuò i lavori necessari perché la struttura fosse pienamente agibile e funzionante (opere elettriche, rifacimento delle coperture, coibentazioni, ecc.). Per obbligo contrattuale, l'’impresa ha avuto a proprio carico tutte le spese di gestione e di manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto. Al Comune sono toccate le spese, regolarmente pagate all'’impresa dietro autorizzazione ai lavori, per la sostituzione delle parti strutturali principali a causa di cedimenti e di quelle impiantistiche di maggior rilievo da sostituire per esaurimento di vita tecnica, nonché tutte le modifiche imposte da nuove norme di legge."

"Con l'’imminente fine dell’'appalto, l'’impresa dovrebbe restituire la piscina pienamente efficiente e funzionante come l’'aveva ricevuta, con tutte le sostituzioni, modifiche e innovazioni necessarie a carico del Comune. - sostiene Ancisi - Il quale invece la vuole buttare giù, perché “la vita tecnica delle parti impiantistiche e strutturali dell’'attuale struttura si sta esaurendo”. Com'’è possibile ciò senza gravi inadempienze? Dato e non concesso che l'’unica soluzione sia quella declamata, ognuno capisce che il buco enorme della piscina è questo, meritevole che lo esaminino e valutino a fondo la Procura della Repubblica e la Procura della Corte dei Conti, alle quali comunque, mettendomi a disposizione, trasmetto copia di questa nota. Nulla vieta, nel frattempo, ed anzi impone, che il Comune dia corso ad una commissione d'’indagine interna, come previsto dall'’art. 99 del regolamento del consiglio comunale."

"L’'altro grande buco è la mancanza per almeno un anno di un servizio pubblico d’'uso largamente popolare, spesso anche prescritto per motivi di salute, di disabilità o di riabilitazione. Spetta a chi ha fatto a cocci la piscina riempirne il vuoto con una soluzione transitoria, almeno minimale, anche coinvolgendo strutture private esistenti" conclude Alvaro Ancisi.

06/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Sottoscrivo la conclusione del ragionamento di Ancisi: dovrà essere il proprietario della struttura (il Comune) a garantire delle soluzioni tampone per il periodo transitorio tra la chiusura della Piscina attuale e l'inaugurazione di quella nuova. Se poi - come adombrato da Ancisi - dovessero emergere profili di responsabilità del gestore riguardo allo stato in cui la piscina sarà resa al comune al termine dell'attuale convenzione, l'amministrazione pubblica potrà eventualmente tutelare i propri interessi nelle sedi preposte, senza che questo abbia a riverberarsi sugli utenti.
06/12/2018 - (San) Michele
trovo grottesco che una città come Ravenna, dotata di un'unica piscina comunale, resti senza per un anno (dicono loro, se poi finisce come tutte le opere pubbliche serviranno minimo 3 anni...) privando oltre 5000 utenti della possibilità di nuotare, fare riabilitazione o ginnastiche acquatiche, ma come si fa anche solo a pensarla una cosa del genere....dove porterò mio figlio a nuotare, a Lugo??? Perché l'unica alternativa sono i 3laghi a Porto Fuori, e pensate che basti per oltre 5000 persone??? Vergognoso....
06/12/2018 - Hypersthene
Caro Ancisi, Mi domando se la piscina è messa cosi era necessario buttare i soldi su una altro Pala sport per il basket. Qui cominciano ad essere dei danni incredibili, non c'è un modo di fare degli esposti alla corte dei conti per la cattiva gestione del denaro pubblico ... é chiaro che qui si atteggiamenti di leggerezza e di incompetenza di politici di cui alcuni politici perciò sono accorti furbi e gli sfruttano alla grande. Vedendo lo stato delle strade e dei monumenti, questa storia mi fa davvero schifo !! Grazie Ancisi.
06/12/2018 - federica
Non si può lasciare Ravenna senza piscina!!!
06/12/2018 - nuotatrice
La giunta è stata eletta da noi Ravennati. È proprio vero che "Ognuno ha ciò che si merita!". Forse con qualche gilè giallo in più le cose non sarebbero degenerate a questi livelli (la Francia insegna). Ma ancor più servirebbe che i cittadini capissero che le cose si cambiano, o almeno ci si prova, soprattutto smettendo di votare chi amministra male e tutela interessi che non sono certamente quelli della comunitá.
06/12/2018 - Stefano
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.