Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La città che...

Camerlona invasa dal fogliame chiede soccorso stradale

Nicola Carnicella, consigliere territoriale di Lista per Ravenna nonché vicepresidente dell’Area di Piangipane, è intervenuto in merito alle condizioni della frazione di Camerlona, le cui strade sono sommerse dal fogliame autunnale: “Come quasi ovunque da fine estate, Camerlona ha tuttora strade e marciapiedi invasi dal fogliame degli alberi, che il servizio TARI (pagato dai contribuenti) non raccoglie, lasciandoli depositare e imputridire, causa forte vento e  piogge, anche per mesi. Otturandosi gli scoli delle acque piovane, così nascondendo le fratture e le sconnessioni esistenti nelle pavimentazioni, ne derivano  pericoli per l’incolumità dei passanti e per la sicurezza dei trasporti, generando anche cadute e incidenti. I cittadini sono costretti ad arrangiarsi, eseguendo quei lavori di pulizia e rimozione che spettano all’amministrazione comunale”.

Carnicella prosegue il suo intervento spostando la lente d’ingrandimento sui rischi maggiori che, le attuali condizioni delle strade di Camerlona, comportano per i cittadini: “I pedoni rischiano ovviamente di più. Di qui, una serie ripetuta di segnalazioni rivolte a Lista per Ravenna, quasi da bollettino di guerra. Venerdì scorso, una signora residente nella località è finita al pronto soccorso con una frattura alla spalla. Assunta da poco in un posto di lavoro e rischiando anche di perderlo, intende denunciare il danno a carico dell’amministrazione comunale. Alcuni giorni prima, un’altra signora di media età con difficoltà di deambulazione, slittata con una gamba a terra ed avendo cercato di attutire la caduta con un braccio, ha rischiato di causare danni peggiori all’arto su cui è gravato il peso del corpo. Un’amica con invalidità riconosciuta, che regolarmente porta il cagnolino a passeggio insieme al figlio di sei anni che non può lasciare solo in casa, racconta che il bambino, avendo difficoltà di coordinamento, è soggetto continuamente a piccoli scivolamenti, con rischio di peggiori. La situazione è percepita male anche perché, causa l’emergenza pandemica, finire al pronto soccorso pone difficoltà e rischi ulteriori.

Camerlona_foglie

I residenti non sono però stati con le mani in mano. Solo nel mese di novembre, una signora ha inoltrato sei richieste di rimozione del fogliame stradale allo sportello polifunzionale del Comune di Ravenna, senza mai riceverne risposta (allegato lo screenshot). Non resta dunque a Lista per Ravenna che chiedere ragione di quanto sopra all’Amministrazione, sollecitando, attraverso un’interrogazione question time al sindaco, immediati e radicali interventi di pulizia e di riordino della viabilità in tutta Camerlona”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Armando

    anche qui a Ravenna le strade sono piene di fogliame: ma cos è una novita ??? siamo in autunno, le foglie cadono.- Provatelo a dire con quelli che amano il verde, con quelli che non vogliono che le piante vengano manutentate….Certo che il Comune dovrebbe fare la sua parte, ma anche noi cittadini: se davanti a casa nostra raccogliessimo le foglie, se liberassimo i chiusini e buttassimo nei cassonetti (che ci sono) tutto sarebbe piu normale e non creerebbero problemi.- Ripeto, al Comune spetta la parte piu grossa del recupero, ma anche noi…….

  2. Scritto da Giovanni lo scettico

    A Camerlona non ci sono spazzini?

  3. Scritto da Linda

    Per Armando: sono d’accordo con Lei,però non mi fate più pagare la tari.

  4. Scritto da Alvaro Ancisi

    Armando, a Camerlona, come scritto, i cittadini si sono arrangiati. Ma qui ci vogliono soffioni e macchine spazzatrici, non solo rastrelli e scope. E questo servizio noi lo paghiamo dentro la TARI (Tassa Rifiuti) che ci costa 28,3 milioni l’anno. Cordialmente.