Venerdì 24 Febbraio 2017

LA POSTA DEI LETTORI / Pronto Soccorso Ospedale di Ravenna: si attendono ore per essere visitati

Mercoledì 4 Gennaio 2017 - Ravenna

"Buonasera, ho scritto e inserito nell'apposita casella posta al banco di accettazione del pronto soccorso dell'ospedale di Ravenna una lettera di reclamo. La mia protesta denuncia una situazione paradossale che ho visto con i miei occhi. Ci sono pesone doloranti che devono attendere svariate ore anche solo per esssere visitate e persone stese nelle barelle che vengono "parcheggiate" in mezzo ai corridoi delle sale d'aspetto".

 

"Appesi alle pareti del nuovo pronto soccorso ci sono pannelli che reclamizzano la nuova bella struttura mentre quella precedente si dice fosse angusta e senza privacy; sicuramente la nuova struttura è confortevole e ben strutturata, ma senza il giusto numero di persone a gestirla (almeno queste sono le risposte che ho ricevuto alle mie proteste verbali), credo sia come mettere una bella cattedrale nel deserto". 

 

Fabrizio Foschini

44Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • e'uno schifo la sanita' e'ormai allo sbando in + si pagano molte prestazioni che una volta erano gratuite! confermo i tempi d'attesa assurdi al pronto socccorso!

    04/01/2017 - GL

  • Non entro nel merito dei tempi di attesa, anche se sicuramente aumentando il personale le prestazioni (visite, RX, TAC, ...) sarebbero più celeri, ma vorrei parlare della privacy tanto sbandierata. Ci sono pazienti in barella o seggetta o seduti che urlano, piangono, vomitano, sanguinano in una "ampia" (è vero)sala d'attesa attraversata dal corridoio che porta ai reparti ospedalieri, anziani e bambini tutti assieme. Purtroppo la privacy non esiste o chi lo sostiene non ne conosce il significato. Se dobbiamo attendere va bene, ma vorrei far sedere e far provare al Direttore Sanitario quanto sono confortevoli le sedie di metallo o simile sulle quali dobbiamo attendere per ore.

    04/01/2017 - Franco

  • Nel mio caso circa ogni due mesi mi reco al pronto soccorso per siringare un ginocchio, non mi è MAI capitato di attendere più di un ora. Purtroppo criticare è facile elogiare è più difficile.

    04/01/2017 - Mattia

  • Protesta da sottoscrivere. Anch'io ci sono passato e le ore d'attesa sono tante a seconda del bollino. La causa? Il precedente direttore Carradori non ha assunto nessuno anzi. Ravenna in generale pensa in piccolo. Abbiamo una struttura che va bene per una provincia di 50 000 cittadini, noi siamo al triplo. Il personale medico è nettamente insufficente. Insomma qualcuno deve prendere provvedimenti la situazione è diventata intollerante. Le foto nel PS che elogiano il nuovo PS sono una presa in giro, diciamolo pure. Speriamo di non averne ancora bisogno.

    04/01/2017 - obezio

  • i medici del pronto soccorso corrono senza fermarsi un secondo facendo secondo me anche più mansioni alla volta...la lamentela io la farei a chi fa i tagli alla sanità.

    04/01/2017 - porto

  • finalmente, tutti uguali gli italiani..dopo aver fatto l'itaglia!!

    04/01/2017 - stalin

  • Non penso che i dottori del pronto soccorso fossero li a girarsi i pollici, forse sono giornate particolari, qualcuno è in ferie e bisogna avere un po di pazienza, ma al giorno d'oggi la gente non ne ha.

    04/01/2017 - Cinzia

  • Però, funziona bene la sanità di Bonaccini!

    04/01/2017 - Giovanni lo scettico

  • Personalmente mi sono trovato in una situazione simile prima di Natale. E' vero, ho aspettato anche io diverse ore le quali ovviamente sono dovute al flusso del momento ed alle priorità. Non mi sento però di criticare il nostro servizio in quanto è svolto in maniera professionale e cortese per il quale mi sento solo di ringraziare.

    04/01/2017 - Erio

  • @porto ha ragione. I medici e infermieri che ci sono fanno quello che umanamente è possibile, ma i tagli che non sono stati fatti alla sanità (come no) si sentono.

    04/01/2017 - Riccardo

  • Consiglio a chi si lamenta del pronto soccorso di Ravenna di recarsi in Olanda,Germania ecc...e aver necessità di pronto soccorso e poi si lamenteranno meno!

    04/01/2017 - GPS

  • Per Mattia. Siringare in ginocchio NON è una prestazione che richiede il P.S. È programmabile ed effettuabile in apposito ambulatorio quindi, x favore, prima di scrivere colleghi i suoi neuroni !

    04/01/2017 - lella

  • giusto Cinzia, garantisco (ero presente) che i medici non si giravano i pollici e che l'affluenza era veramente esagerata come io non avevo ancora visto. C'erano anche tante persone che avrebbero potuto stare a casa propria e non rischiare altre malattie per cose di poco conto.

    04/01/2017 - kiki

  • Non c'è niente di peggio che un imbecille che difende l'indifendibile solo perchè a lui è andata bene...

    04/01/2017 - Stefano

  • A proposito del pronto soccorso oltre ai tempi biblici di attesa ci sono delle sedie che a dir poco sono scomodissime. Chi è costretto a rimanere ore non ce la fà a rimanere seduto Mal di gambe assicurato.Anna Pezzi

    04/01/2017 - anna maria pezzi

  • Io personalmente non ho mai aspettato tanto, sarò stata fortunata? Forse sì o forse mi rendevo conto che c'era chi stava più male di me ed aveva la priorità, In ogni cado ricorriamo al Pronto Soccorso anche per prestazioni non urgenti, spesso non per colpa nostra, quando non ci sono i medici di base e da domani 5 gennaio per ben 4 gg. saranno chiusi gli ambulatori, dove si va? La Guardia medica spesso non risolve il problema è "consiglia" l'accesso al Probto Soccorso. Possibile che non si riesca a creare una struttura intermedia che possa risolvere i problemi meno gravi? A mio avviso ė possibile, bisognerebbe "impegnare i medici di base nelle cosiddette case della salute! Ma....pare checi sia una questione di soldi...

    04/01/2017 - Mami

  • Facciamo attenzione,non sono da colpevolizzare i medici e gli infermieri,è la dirigenza che è incapace e disorganizzata,ma non lo dico solo io,lo dicono i primari dei reparti i cui dovrebbero poi essere indirizzati i pazienti se non dimessi.Quindi i tagli hanno il loro pero,ma fino ad un certo punto.Comunque ho atteso fino a 9 ore l'ultima volta per mio padre ultraottantenne e allettato.Benvenuti nel club!

    04/01/2017 - Mauri

  • Se andate al pronto soccorso per una pellicina da togliere, o per un'unghia incarnita, certo che si formano le file .....

    04/01/2017 - Luca

  • eppure la boschi nei suoi comizi diceva sempre che se avesse vinto il si..saremmo stati meglio curati!!.(in ke senso lascio a voi stabilire come:-))))....P.S.: in emilia romagna ha vinto il si..!! le solite promesse non mantenute!:-)))

    04/01/2017 - alberto

  • Eccolo lì, l'onnipresente Giovanni lo scettico grande habitué del web che dall'alto della sua esperienza nel mondo della sanità ha già trovato il responsabile.

    04/01/2017 - Luca

  • Al solito, ci si lamenta del brodo grasso...e come sempre, si lancia il sasso nascondendo bene bene la manina. Spero che il signor/signora "GL", la prossima volta che sarà costretto/a a ricorrere a prestazioni di medicina d'urgenza, si trovi in un contesto molto diverso dalla tanto vituperata e così invivibile Romagna.

    04/01/2017 - Maurizio Ricci

  • Capisco che quando si accompagna al pronto soccorso una persona che ha bisogno di cure il nostro desiderio è che queste cure gli vengano prestate nel più breve tempo possibile. Ma non è accettabile il modo con cui si criticano le nostre strutture ospedaliere. Non si può avere tutto e subito ed anche al pronto soccorso fanno delle scelte di priorità (prendendosi la responsabilità delle decisioni prese). Io sia con mio padre che con mia madre ho utilizzato il pronto soccorso ed ho atteso il tempo necessario (anche svariate ore) ad eseguire le visite e gli esami clinici. Ho trovato personale competente ed educato . Ma chi ritiene si vada meglio nel terzomondo può anche andarci .

    04/01/2017 - Klaudio

  • Vai a Roma o a Napoli poi mi dirai se funziona male quella di ravenna.

    04/01/2017 - Gianni

  • probabilmente l'attesa è lunga e logorante soprattutto se si ha male ma bisogna anche capire che un arto non è come un infarto o aver battuto la testa, ci sono i codici per le precedenze e le reperibilità dei medici perché la sera anche a me è capitato di andare per una lastra ma quando mi hanno detto che non c'era il medico per refertarla... ho pensato con mia figlia (visto che si trattava di una mano) di tornare la mattina dopo... per poi non andare per niente perché mia figlia diceva di stare un po' meglio.... quindi... sempre valutare l'urgenza.... e basta lamentarsi... nel terzo mondo neanche veniva guardato tuo figlio.

    04/01/2017 - gg

  • ma che stiamo a di ,,, con i tagli alla sanità , anche solo regionali, il pluri direttore provinciale e regionale ,raggiungono l'obiettivo di veder gratificato il loro lavoro e ricevono un cospicuo bonus dallo stato come buon manager, i dottori al pronto soccorso sono calati almeno di due per turno, più tutte le prestazioni a pagamento che si fanno a differenza di una volta, per non dire del resto ,sapete che se un extra comunitario va al ps fortunatamente per lui e tutto esentato? ma non scendiamo in politica di confine ,ormai il detto dei nostri vecchi e assolutamente valido ERA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO

    04/01/2017 - arturo

  • Cinzia ma hai bevuto troppo spumante? Ma cosa stai dicendo unbp

    04/01/2017 - Cappuccetto Rosso

  • Tutto questo perche' purtroppo il personale e' insufficente.non si puo' fare tagli sulla sanita'..sarebbe bene tagliare dove ci sono esuberi, e ce ne sono tanti!

    04/01/2017 - Daniele

  • Se la gente non andasse al pronto soccorso per febbre, mal di pancia, di orecchio etc...ma prima di intasare il "Soccorso" si recasse dal medico di base, i casi davvero di emergenza sarebbero molti meno e quindi adeguatamente trattati. Questo accade anche perchè non sempre si trova un riscontro adeguato nel servizio del proprio medico di base. Quanti visitano? Quanti fanno la clinica prima di spedire a fare indagini? Non so: è un filtro che dovrebbe tornare ad esistere, anche -io penso- per la soddisfazione del medico stesso. Una volta esisteva.

    04/01/2017 - La Peppina

  • Il problema è che sono pochi, lavorano tanto

    04/01/2017 - ALDO

  • Purtroppo i ravennati sono abituati a frequentare il P.S come un ambulatorio , personalmente e con famigliari ho avuto occasione , per motivi seri , di avere bisogno ed ho trovato sempre grande professionalità , i tempi sono sempre legati al Gravita del caso .Il confronto lo dovremmo fare con le altre Regioni , dove ci sono realtà' per cui hanno ragione di lamentarsi.

    04/01/2017 - Paolo

  • Gentile Luca, chi è che comanda in regione Emilia-Romagna, il Movimento Sociale forse? Lo capisce anche un bambino che se la sanità non funziona la colpa è di chi amministra. A proposito, io quando sento parlare di tagli per dare un servizio migliore mi chiedo cosa succederebbe se gli stipendi dei dirigenti fossero in proporzione ai posti letto: avremmo degli ospedali da 50mila letti? Gentile Luca, quali sono i suoi argomenti, sempre che ne abbia?

    04/01/2017 - Giovanni lo scettico

  • Se ben leggete i sig. Foschini non si lamenta dello staff medico ma della cattiva organizzazione. Se nella AUSL di Ravenna si lavora con personale all'osso ciò avrà ripercussioni negative sullo staff (spesso troppo sotto pressione) e sull'utenza, specie quella che per questo servizio paga le tasse!!!!...

    04/01/2017 - ANNA M

  • Il personale del pronto soccorso e competente e disponibile purtroppo spesso sono sotto organico andrebbero aumentati almeno due ambulatori in più,la guardia medica viene trasferita spesso si potrebbe trovargli un luogo permanente non e facile capire dove e dislocata ora spero che la direzione del USL provi a migliorare queste situazioni

    04/01/2017 - nonno

  • Io mi sono recato una notte di anni fa sulle 2.00 per un dolore all'orecchio (che fu poi reale otite bollosa emorragica). Dopo TUTTA LA NOTTE sveglio mi dicono sulle 6 "ah ma l'otorino non c'è mica fino alle 8.30". Dio solo sa cosa mi ha trattenuto...

    04/01/2017 - Mattia Il Bello

  • Cappuccetto Rosso: A mio avviso....dopo fumato....smaltire, poi scrivere!!!

    05/01/2017 - Ermes

  • Purtroppo c'è scarsa cultura sul "come"utilizzare le risorse sanitarie. Bisogna sapere che l'unghia incarnita, la cistite, la febbre insorta da un giorno, il mal di gola e tutte le svariate patologie minori NON devono accedere in PS!Ma ci si deve rivolgere al proprio curante o alla guardia medica. Invece succede che queste persone (le quali GIUSTAMENTE possono aspettare delle ore) intasano il PS, spesso rivolgendosi al personale in maniera aggressiva ed arrogante e soprattutto togliendo spazio a chi realmente ha bisogno di cure urgenti. Inviterei chi parla di Ravenna come "terzo mondo" ad andare semplicemente in un ospedale del Sud Italia. Forse apprezzerebbe di più il proprio ospedale..

    05/01/2017 - D.

  • La mia piena solidarietà va ai medici e infermieri e operatori del 118,perché con tutto cio che sono ridotti alla fame di posti letto (nei casi patologici seri)cioè mi spiego quei casi dove le sedie scomode non vengono calcolate e che Se non ci sono non succede niente. ...codice rosso..codice rosso critico ricordate che quelli che state definendolo quasi come inadeguati si fanno in quattro, approfitto per l'ennesima volta per ringraziare tutto lo staf per avermi salvato la vita. solo da quella visuale ci si rende conto il perché delle lunghe file che si creano nella sala di attesa dell' p.s.

    05/01/2017 - Dom

  • Quale fiumana di commenti idioti che si leggono. La sanità è un discorso molto delicato e dobbiamo ricordarci della situazione finanziaria pubblica nella quale ci troviamo, che il servizio sanitario per definizione "non è mai abbastanza" e che il nostro servizio sanitario regionale fa scuola non solo in Italia ma nel mondo. Dopo di che non entro nel caso singolo (che francamente non mi pare così scandaloso... non era certo un codice rosso), ma mi chiedo se chi si lamenta ha mai fruito dei servizi sanitari di altre Ausl o di altri sistemi sanitari europei ed extraeuropei ...

    05/01/2017 - Emanuele

  • Sono l'autore della protesta e ci tengo a precisare che non era certo rivolta al personale del PS che, anzi, si è dimostrato gentile, disponibile e professionale. La mia voleva essere una denuncia contro chi amministra e contro i tagli alla sanità che hanno portato il ns PS dalla struttura molto efficiente che era, a tutto quello che è attualmente. A chi invece vuole che vada a vedere realtà disastrate in altri paesi, rispondo che se c'è il peggio, non significa che dobbiamo essere soddisfatti di andare "solo" male

    06/01/2017 - Fabrizio

  • purtroppo si è sviluppato il concetto che il PS sia li ad aspettare il primo che inciampa ,o che si storce una caviglia ,ma purtroppo non è così,per cui,al PS si và per cose serie.quando si stava meglio perchè si stava peggio,e questo è tutto da vedere,del PS non se ne sapeva nemmeno l'esistenza,e la maggior parte delle magagne si risolvevano in casa.

    06/01/2017 - Antonio

  • Io critico la mancanza totale di privacy del nuovo P.S. I parenti vengono tenuti fuori, solo a qualcuno è concesso di stare dentro per anziani o bambini. Quindi oltre a queste persone che restano c'è un via vai di persone che gira all'interno del p.s. donne delle pulizie, inservienti vari. E il malato viene gestito in questo salone pubblico tirando un ridicolo separe'. Ma vi sembra privacy questa? Non è né privacy né dignitoso

    06/01/2017 - Gabriella

  • Il nuovo e fantasmagorico Pronto Soccorso è progettato male. Uno stanzone enorme senza privacy, nel quale se uno si lamenta di notte tiene sveglie cinquanta persone. Poi se diminuiscono i posti letto nei reparti il P.S. sarà sempre più affollato in attesa di poter smistare i pazienti. Signori, questa è la sanità di Bonaccini, e sfido chiunque a dimostrare che quello che dico non è vero.

    07/01/2017 - Giovanni lo scettico

  • Da ex-addetto ai lavori devo purtroppo concordare con Giovanni lo scettico: è esattamente così, e forse anche peggio.

    07/01/2017 - Il Re Rosso

  • Sei stato sfortunato...se eri un profugo (scappato da una guerra immaginaria ovviamente) passavi davanti a tutti e non ti veniva nemmeno addebitato il ticket !!!! Eri persino libero di offendere e maltrattare il personale perché "tutto ti sarebbe dovuto". Purtroppo sei italiano come me.......parole di chi ha assistito a tutto questo.

    10/01/2017 - Francesca



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it