Ardea Purpurea. Celebrazioni per il ventennale e la fine dei lavori di restauro

Ardea Purpurea. Celebrazioni per il ventennale e la fine dei lavori di restauro
Un dettaglio dell'opera

Venerdì 14 giugno si festeggia il ventennale di Ardea Purpurea, la fontana monumentale simbolo di rinascita di piazza della Resistenza . Due i momenti dedicati alla celebrazione del ventennale in concomitanza anche con la fine dei lavori di restauro che stanno interessando la vasca e le due ali di mosaico dell’opera di Marco Bravura.

La celebrazione rientra nell’ambito di Ravenna Mosaico 2019 quale anteprima della VI rassegna biennale di mosaico contemporaneo, che avrà luogo in città dal 6 ottobre al 24 novembre prossimi.

Gli appuntamenti

Alle 11 in sala Muratori nella Biblioteca Classense, presentazione del libro “Ardea Purpurea” di Marco Bravura, edizioni Skira, 2019, con testi di Albano Baldrati, Philippe Daverio, Linda Kniffitz, Luca Maggio, Cristina Mazzavillani Muti, Michele Tosi. Interverranno Elsa Signorino, assessora alla Cultura; Anna Mapolis, Ismail Akmetov Foundation, Mosca; Linda Kniffitz, responsabile Cidm/Mar; Enzo Pezzi, fotografo; Marco Bravura, artista.

Dalle 18 in piazza della Resistenza diversi momenti per ritrovarsi insieme accanto ad Ardea Purpurea: CorpoGiochi® a Scuola: i bambini e l’adozione di un artista, condivisione del progetto didattico a cura di Carolina Carlone.

È previsto il saluto del sindaco Michele de Pascale. Interverranno Cristina Mazzavillani Muti, presidente di Ravenna Festival e l’artista Marco Bravura. Seguirà il saluto musicale dell’Accademia Musicale Chigiana.

Entrambi i momenti sono a ingresso libero.

L’intervento di restauro

La fontana è oggetto di un intervento da parte del Comune, su proposta dall’assessore ai Lavori pubblici Roberto Fagnani, consistente in una pulizia straordinaria a causa delle incrostazioni calcaree e per la presenza di muschi e muffe sulle superfici esposte all’aria; con l’occasione si sono realizzati anche alcuni piccoli ripristini delle parti musive e di microlesioni dei paramenti esterni, oltre a interventi sulla colorazione della vasca. In ultimo è stato installato un ulteriore filtro per diminuire la presenza di calcare nell’acqua. L’importo complessivo dei lavori ammonta a 9.882 euro.

Un po’ di storia

L'Ardea Purpurea è la fontana monumentale in mosaico ideata e realizzata dal maestro Marco Bravura, noto mosaicista di Ravenna. Si tratta di una struttura architettonica composta da due grandi ali spiraliformi e ispirata all’Araba Fenice, il mitico uccello che, avvolto dal fuoco, rinasce sempre dalle sue ceneri. La struttura, alta 12 metri, è simile alle eliche del DNA, rivestita di tante tessere iridescenti, in un gioco di luci e riflessi che viene esaltato dagli spruzzi d’acqua che salgono e ricadono. L’iconografia è molto simbolica e ispirata soprattutto a lingue antiche e orientali: sul fondo oro le tessere compongono lettere dell’alfabeto fenicio, simboli della religione giudaica, parole in sanscrito, aramaico e anche in greco e giapponese antico. Il progetto complessivo che ha portato alla realizzazione dell’opera, si compone in realtà di due fontane: a Beirut, in Libano, Marco Bravura ha creato un’altra fontana simile, solo un po’ più piccola. Quella fontana, realizzata nel 1999, ha contribuito a riqualificare la città, distrutta dalla guerra: una fontana quale simbolo di rinascita dalle macerie.

Le dichiarazioni

“La città festeggia i venti anni di questa opera simbolo di Ravenna” dichiarano gli assessori alla Cultura Elsa Signorino e ai Lavori pubblici Roberto Fagnani “e per farlo il Comune ha portato avanti un intervento che la riporta al suo splendore originale”.

Il mosaico è una fenice: come l’uccello mitico muore e rinasce costantemente, è questa la sfida che “Marco Bravura ha raccolto e che ha portato alla massima esaltazione nella realizzazione della grande Fenice posta nella sua Ravenna” dichiara Philippe Daverio, “trasformare il mosaico in scultura è di per sé una scommessa: trasfigura una pratica antichissima e la proietta in dimensioni che gli antenati non avrebbero mai osato affrontare”.

“La prima Ardea Purpurea veniva destinata a Beirut, città che, con il ventennio di distruzione e disgregazione vissuto dal suo popolo, ben rappresentava le ceneri da cui risorgere” racconta l’artista Mario Bravura. “Volevo infatti vere macerie, raccolte in loco, come parte integrante della scultura, come punto di partenza per non dimenticare. Partendo dalle macerie, poi l’operosità, la mano dell’artista che produce l’alchimia capace di trasformare le macerie-ceneri in materia-sublime, rappresentata dall’abbondanza di tessere d’oro e argento che caratterizzano la parte terminale dell’opera. Ho scelto di esprimere il racconto musivo tramite l’utilizzo di simboli, sia nel realizzare la forma scultorea di area che nella decorazione a mosaico, privilegiando il senso più genuino di questo termine: sym-ballein, il mettere insieme".

"Le citazioni simboliche - continua l'artista - provengono dall’intero pianeta: si è trattato di mettere insieme, quasi a farle convivere simbolicamente, etnie, culture e religioni, annodando le une alle altre in una libera creatività di colori ed andamenti, come voci di un coro che mi piaceva ascoltare. La fontana Ardea Purpurea realizzata per Ravenna vent'anni orsono è a tutti gli effetti la gemella di quella per Beirut ed è pregna di significati simbolici esasperati, proprio per questo congeniali al mio lavoro. È stato il pretesto per qualcosa che sento, se è vero come si dice che Ravenna è la porta d’Oriente. La rinascita, la ricostruzione, la tensione all’alto sono rappresentate dall’evoluzione a spirale con movimento elicoidale dei due monoliti che costituiscono l’opera, a simboleggiare il DNA".

"Questo manuale di istruzioni della vita contenuto nel nucleo di ogni cellula del nostro corpo - aggiunge -, mi ha affascinato dal primo momento in cui ne sono venuto a conoscenza. Con il suo alfabeto di sole quattro lettere che creano sequenze che scrivono informazioni e istruzioni di straordinaria importanza, mi è sembrata la forma perfetta per ospitare l’alfabeto musivo che avevo intenzione di scrivere. Mosaico e scultura sono per me una nuova opportunità: per ridare colore alla scultura, come era in origini lontane, per raccontare in modo insostituibile, per comunicare luce e assenza di staticità, per una bellezza in continuo mutamento”.

11/06/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
é un opera bellissima,che mi emoziona sempre quando la vedo; per questo passo da piazza Risorgimento per rivederla ogni tanto,quindi deve rimanere li non spostarla come qualcuno aveva proposto ,penso che sia un bel benvenuto per chi entra in città da quella zona.
11/06/2019 - Massimo
La sede più appropriata per questa opera d'arte di livello internazionale è piazza Kennedy. Chiedo all'amministrazione di impegnarsi in questo senso, anche se capisco che non è semplice. Sarebbe un grande passo in avanti x qualificare la piazza e l'intera immagine della nostra città. Un gioiello così non può restare nascosto come è stato fino ad ora. Grazie
11/06/2019 - Lorenzo Magnani
Sono d' accordo con il signor Magnani,piazza Kennedy sarebbe l'ideale.In piazza Risorgimento è un pò fuori mano per i turisti,ed è un peccato,perché è una vera OPERA D'ARTE. Forestriero
11/06/2019 - Forestriero
Veramente l'opera è in Piazza della Resistenza.... Credo stia molto bene lì dov'è...
11/06/2019 - Luf
cari amici perché non spostiamo tutto in centro tipo la basilica di classe ecc.ecc.cosi riqualifichi solo il centro piuttosto portiamo i turisti in tutta la città
11/06/2019 - Massimo
Un'opera di una bellezza infinita
11/06/2019 - Lorenzo
A Ravenna non abbiamo nessuna Piazza intitolata al Risorgimento. L'articolo parla di Piazza della Resistenza.
11/06/2019 - Ornella
...oppure in piazza kennedy un'altra opera di Bravura?. Ardea Purpurea è nata li e li deve rimanere.
11/06/2019 - Carla 2
Non è vero che è fuori mano per i turisti, vedi commento di Forestiero, proprio in quella piazza fermano i bus dei turisti che poi vanno a piedi verso il centro. È la prima cosa che vedono scendendo dal bus, direi che è un bell'inizio...
12/06/2019 - C.
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.